Rinasce il bunker di Bosco Siana

Il recupero dell’impianto austro-ungarico costerà 740.050 kune, di cui l’85 p.c. stanziato dal Fondo europeo

Davvero una bella idea, quella di ristrutturare e riadattare il bunker nel Parco bosco Siana. Il tutto sarà realizzato grazie alla stipulazione del contratto di finanziamento tra l’Ente pubblico Natura Histrica e l’Agenzia per i pagamenti nell’agricoltura, pesca e sviluppo rurale. Il valore del progetto ammonta a 740.050 kune, e l’85 p.c. dei mezzi sarà stanziato dal Fondo europeo per lo sviluppo rurale, mentre il restante 15 p.c. dal bilancio statale. L’iniziativa è stata promossa da Natura Histrica, che nell’agosto del 2018 ha aderito al concorso bandito dalla succitata Agenzia nell’ambito del programma denominato “Uspostava i uređenje poučnih staza, vidikovaca, i ostale manje infrastrukture (Ripristino e riassetto dei sentieri didattici, belvederi, e altre infrastrutture minori). Il progetto prevede il rifacimento dei vani interni e l’esterno del rifugio del parco di Bosco Siana, grazie al quale i cittadini e gli altri visitatori otterranno dei nuovi contenuti. Il bunker è ubicato al lato dello spiazzo centrale, di fronte al punto informativo di Natura Histrica; al momento è chiuso al pubblico. È stato costruito al tempo dell’Impero austro-ungarico e da allora non è stato mai ristrutturato. In pratica, l’intero impianto è interrato; gli spazi interni hanno la larghezza di tre metri, mentre l’altezza varia dai 2,20 ai 2,40 metri. Il progetto per la ristrutturazione è stato elaborato dall’”AD Arhitektura i dizajn” di Pola. La ristrutturazione comprende il risanamento dei muri interni ed esterni, l’equipaggiamento dei vani per lo svolgimento di attività educative, la collocazione di nuovi infissi in legno, nonché la costruzione all’esterno di un impiantito con scale che formeranno un piccolo anfiteatro. La nuova illuminazione sarà sistemata in ogni parte del complesso. Bosco Siana, divenuto nel 1964 Parco, per la sua immensa bellezza naturale, da sempre rappresenta un ritrovo dei polesi di ogni fascia d’età, dicono da Natura Histrica. L’Ente da molti anni collabora con la Città di Pola, che finanzia il controllo annuale, il riassetto e la manutenzione di questa zona protetta. I numerosi visitatori che vengono nel bosco per motivi ricreativi, di salute, educativi o turistici ora disporranno di un nuovo contenuto per istruirsi e informarsi su questo bosco, e nell’insieme sulla tutela e la salvaguardia della natura. Nel corso dell’anno in pratica tutti gli asili polesi e delle vicinanze fanno visita alla zona, seguiti dagli esperti ambientalisti. Al momento le sessioni educative si svolgono solamente nello spiazzo centrale e nei sentieri didattici.

Facebook Commenti