Repubblica di Albona: si avvicina il centenario

Iniziati i preparativi per la celebrazione dell’anniversario dello storico sciopero dei minatori, iniziato il 2 marzo 1921 e soffocato nel sangue l’8 aprile

Le guardie rosse nella Krvova placa a Vines (Archivio di Marijan Milevoj)

È in corso la stesura del budget per il progetto di celebrazione del 100.esimo anniversario dello storico sciopero dei minatori albonesi del 1921, noto come Repubblica di Albona. Lo hanno confermato i competenti uffici cittadini, in seguito a una riunione di coordinamento dei sindaci delle autonomie locali dell’Albonese.

La torre mineraria in Piazzale

Oltre alla Città, che intende coprire le spese stanziando i mezzi necessari dai Bilanci cittadini per il 2020 e il 2021, a contribuire dal punto di vista finanziario saranno pure la Regione istriana, le municipalizzate e l’Ente turistico albonese e altri donatori. Pure i Comuni dell’Albonese, Arsia, Chersano, Pedena e Santa Domenica, hanno confermato la loro partecipazione finanziaria e logistica alla celebrazione dell’importante anniversario. La maggior parte degli eventi si svolgerà dal 2 marzo all’8 aprile 2021, un periodo simbolico di 37 giorni, che coincide con la durata della Repubblica di Albona, che ebbe inizio nella piazza Rossa (Krvova placa) a Vines e fu soffocata nel sangue l’8 aprile 1921 dall’esercito e dalla polizia. Da qualche mese è alle prese con i preparativi pure il team organizzativo del sindaco di Albona, mentre nelle settimane scorse si è concluso l’invito pubblico della Città rivolto a tutti i cittadini, ai rappresentanti delle associazioni e istituzioni e agli imprenditori dell’Albonese e del resto della Croazia interessati a contribuire al programma con vari contenuti e proposte. All’indirizzo della Città sono pervenute 20 adesioni e le idee suggerite sono state presentate al team organizzativo, i cui membri hanno accolto la maggior parte dei suggerimenti, includendoli nella proposta iniziale del programma.
“Bisogna lodare l’iniziativa e la creatività dei nostri cittadini, che hanno aderito all’invito, in modo anche sorprendente, con i loro suggerimenti per la creazione dei contenuti del futuro programma di celebrazione di quest’importante anniversario. In questi tempi di incertezza e grandi sfide sociali, sanitarie e finanziarie, la maggior parte dei proponenti ha suggerito delle idee razionali e accettabili dal punto di vista finanziario, prendendo in considerazione anche le misure epidemiologiche restrittive, che è lecito prevedere che saranno in vigore anche nel momento della celebrazione dell’anniversario. In ogni caso, il 100.esimo della Repubblica di Albona, che viene annoverata quale prima rivolta antifascista organizzata, sarà celebrato in modo adeguato e dignitoso. Mi rallegra innanzitutto l’unione d’intenti nella creazione dei contenuti, una sinergia che certamente sarà presente anche durante la realizzazione del programma”, ha dichiarato il sindaco di Albona, Valter Glavičić.

Facebook Commenti