Parenzo. Continua l’andamento demografico positivo

Lo scorso anno sono nati 12 bambini in più rispetto al 2019

L’asilo di Monspinoso

Nel 2020 la municipalità parentina ha elargito 155 assegni per i neonati, ossia l’8% in più rispetto all’anno precedente, nell’importo di 1.500 kune, per un totale di 232.500 kune. Anche se i dati ufficiali relativi al numero dei neonati nell’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle non sono stati ancora ufficializzati, dal numero degli assegni distribuiti si può costatare che nel territorio municipale parentino sono nati 12 bambini in più rispetto al 2019, ossia 167.

 

Le nascite sono in continuo aumento e ciò ha spinto la Città ad avviare la costruzione del terzo asilo in tre anni, quello di Sbandati, dopo aver inaugurato le strutture di Maio Grando e di Monspinoso. In precedenza erano state inaugurate le sedi di Varvari e di Mompaderno, mentre ci si sta preparando pure al rinnovo energetico dell’asilo “Radost 2”.

Di pari passo continuano pure gli investimenti nella rete scolastica. Con l’inaugurazione, due anni fa, dei nuovi edifici scolastici di Finida e della periferica di Sbandati, sono state create le condizioni per lo svolgimento delle lezioni nel turno mattutino in tutte le scuole del territorio, per la soddisfazione di alunni e genitori. Le tre elementari locali, ossia quelle di Parenzo e di Finida e l’italiana “Bernardo Parentin”, all’inizio dell’anno scolastico hanno organizzato le lezioni in base alle disposizioni del Ministero della Scienza e dell’Istruzione e dell’Istituto nazionale per la salute pubblica, al fine di garantire un processo educativo di qualità nel rispetto delle raccomandazioni di tutela sanitaria.

“Il benessere dei più giovani è sicuramente la nostra priorità. Oggi siamo una delle poche Città in tutto il Paese a registrare tendenze demografiche positive. In un solo anno il numero degli iscritti negli asili è salito di 50 unità e le scuole elementari oggi sono frequentate da più di 1.300 alunni, mentre pochi anni fa ce n’erano 1.100. Quest’anno scolastico nelle prime classi si sono iscritti 182 neoalunni, in numero più alto negli ultimi 5 anni. Secondo gli indici ufficiali Parenzo è la Città più sviluppata, ma anche quella con la popolazione più giovane in Istria”, afferma il sindaco di Parenzo Loris Peršurić.

La Città ha inoltre predisposto numerose misure a sostegno delle giovani famiglie. Tra queste, il cofinanziamento del soggiorno negli asili e nel doposcuola, che per i bambini della famiglie meno abbienti è completamente gratuito, l’acquisto di materiale didattico e la distribuzione della merenda gratuita per le fasce socialmente deboli. La Città si è inoltre fatta carico delle spese per gli 11 assistenti impegnati nelle elementari a sostegno degli alunni che ne hanno bisogno, cofinanzia con un milione di kune le spese di trasporto per gli alunni (circa 150) che frequentano le medie superiori di Parenzo, Buie, Pisino, Rovigno e Pola ed elargisce un centinaio di borse di studio per alunni e studenti.

Parenzo cofinanzia pure dei programmi aggiuntivi per le medie superiori (programmi opzionali – tra i quali lo studio della lingua italiana – iniziative di cooperazione internazionali, concorsi professionali, ecc.), investe nei campi da gioco, sostiene i laboratori per l’infanzia organizzati dalla Biblioteca civica e altre iniziative.

Facebook Commenti