«Luganigada» 2021 senza degustazione

Le salsicce della tradizione istriana

Quest’anno, il tanto atteso evento di fine gennaio all’insegna della tradizione dell’agro buiese, la “Luganigada”, gara culinaria che vede protagonisti i produttori di salsicce istriane, non si terrà nella maniera tradizionale a cause della ben nota situazione epidemiologica. Il Comitato organizzativo e la Pro loco buiese hanno deciso che per ricordare le manifestazioni precedenti, la 29.esima edizione della manifestazione sarà telematica. Quindi, niente degustazione e scelta delle migliori salsicce istriane; saranno invece proposte delle gustose ricette di pietanze a base di salsicce caserecce istriane. Al pubblico sui social dell’Ente turistico “Visit Buje Buie”, viene inoltre proposto di abbinare alla ricetta pure una fotografia che ritrae il piatto proposto. Tutte le ricette raccolte verranno in seguito pubblicate in uno speciale opuscolo e in un e-book, cioè un libro in formato digitale consultabile su computer, tablet e telefoni intelligenti.

 

Le ricette possono essere pubblicate entro il 10 febbraio prossimo da chiunque, dalle casalinghe ai ristoratori, ai cuochi dilettanti, proponendo questo tipico prodotto nella forma più semplice o elaborata. Gli ideatori delle 3 migliori ricette verranno poi ospitati nella Taverna “Atelier” di Marussici. Nelle prime pubblicazioni s’intravede già la ricetta di un tipico piatto ideale per le fredde giornate invernali, “luganighe e fasioi” (salsicce e fagioli), dalla preparazione piuttosto semplice: dopo aver cotto i fagioli a fuoco lento, si lasciano stufare in un soffritto di cipolla, olio e aglio, dopo di che si aggiunge il pomodoro. Nel frattempo si lascia rosolare la “luganiga” in un’altra padella e quando questa è ben rosolata su tutti i lati, si unisce ai legumi, proseguendo la cottura per circa mezz’ora, aggiungendo acqua o brodo all’occorrenza. Tradizionalmente il piatto può essere accompagnato con una porzione di polenta. Buon appetito!

Facebook Commenti