Gari Cappelli: Una soluzione per Marišćina

Il candidato dell’HDZ alle prossime elezioni amministrative ha avviato la sua campagna elettorale di fronte al Centro regionale per la gestione dei rifiuti

Oleg Butković e Gari Cappelli

Gari Cappelli, candidato dell’HDZ alla carica di presidente della Regione alle prossime elezioni amministrative, ha avviato ieri la sua campagna elettorale con una conferenza stampa tenutasi di fronte al Centro regionale per la gestione dei rifiuti di Marišćina. Spiegando la scelta della location, il candidato dell’HDZ ha dichiarato: “È mia abitudine risolvere prima le questioni scottanti perché per le cose piacevoli si trova sempre il tempo”, facendo chiaramente riferimento ai problemi con i miasmi che si sprigionano dalla struttura di smaltimento dei rifiuti fin dalla sua messa in funzione, causando gravi disagi alla popolazione locale.

 

Durante la conferenza stampa, Cappelli ha attaccato l’operato dell’attuale presidente della Regione litoraneo-montana, Zlatko Komadina.

Scaricare la responsabilità
“Questo è il progetto di Komadina e rappresenta un classico esempio del tentativo di scaricare sullo Stato la responsabilità di questioni problematiche come questa, dopo vent’anni di attesa di una soluzione”, ha affermato Cappelli. “È stata un’invenzione sua – ha proseguito – per la quale è stato lui a scegliere il luogo, oltre che a decidere sull’assunzione dei relativi dipendenti. Si tratta dell’unico progetto che Komadina avrebbe potuto risolvere senza l’intervento dello Stato, ma neanche dopo una spesa di 300 milioni di kune non si è arrivato ad alcun risultato”. Rispondendo alla domanda relativa a una possibile soluzione al problema di Marišćina, Cappelli ha spiegato che “è necessario investire un’ulteriore somma di circa 40 milioni di kune e utilizzare l’energia termica dei rifiuti combustibili della centrale elettrica”. Nel caso in cui non fosse possibile “ridare vita” al Centro Marišćina, ha concluso, sarebbe disposto a sopprimere l’attività del Centro.

Alla conferenza ha partecipato anche il ministro del Mare, del Traffico e delle Infrastrutture, Oleg Butković, vicepresidente dell’HDZ e presidente dell’Organizzazione regionale dell’HDZ, il quale ha sottolineato la ricca esperienza di Cappelli, che ha ricoperto, oltre alla carica di ministro del Turismo e quella di sindaco di Lussinpiccolo, anche quella di deputato al Sabor.

“Siamo certi che Cappelli possa effettuare dei cambiamenti nella Regione litoraneo-montana e siamo convinti della sua vittoria”, ha dichiarato Butković, aggiungendo che la Regione non può basarsi solamente su progetti dello Stato “nei quali le persone si prendono il merito dei progetti ai quali hanno partecipato con poco o nessun impegno”.

Facebook Commenti