Pirano capitale europea. Un’agenda da delineare

Seminario riguardante il progetto “Piran-Pirano4 Istria 2025”

CAPODISTRIA | La candidatura di Pirano a Capitale europea della cultura 2025 ha riunito i quattro Comuni costieri in un progetto collettivo. In tale contesto a Capodistria, presso Palazzo Pretorio, si è tenuto un seminario rivolto agli esponenti del Consiglio artistico, ai collaboratori professionali e al gruppo di lavoro che ha il compito di preparare un’agenda di presentazione. A nome del Comune di Capodistria, in qualità di ospitante, i partecipanti sono stati accolti dalla vicesindaco Jasna Softić, la quale ha ribadito l’importanza del progetto per il territorio istriano. A inizio luglio i primi cittadini di Pirano, Capodistria, Isola e Ancarano hanno firmato una lettera d’intenti con la quale si definiva la candidatura a Capitale europea, con il denominatore “Piran-Pirano4 Istria 2025”, nonché l’impegno a operare di comune accordo in ambito culturale.
La preparazione della pubblicazione è stata affidata all’Associazione culturale ed educativa “PiNA”, per cui il gruppo di studio ha trattato proprio l’aspetto della partecipazione e della cooperazione della comunità locale, sotto la guida di András Farkas, esperto nello sviluppo di programmi europei che da anni si occupa di bilancio partecipativo e innovazione sociale attraverso l’imprenditorialità e la cultura. Tra le sue referenze anche il coordinamento della partecipazione del capoluogo della Transilvania, Cluj-Napoca, a Capitale europea dei giovani 2015. Tra gli aspetti che ha tenuto a sottolineare Farkas, il progetto Capitale europea della cultura deve essere indirizzato a lungo termine, ossia immaginare la città nel futuro e avere le idee chiare su cosa si vorrebbe lasciare alle generazioni a venire. Nel fare ciò, l’esperto ha delineato cinque importanti passi per un’effettiva inclusione delle persone, ovvero informazione, consultazione, inclusione, partecipazione e responsabilizzazione. “La partecipazione porta alla fiducia. Credo che la partecipazione si basi principalmente sul concetto di fare propria una tale iniziativa e quando si ottiene questo senso, allora si può dire che viene creata la fiducia “, ha sottolineato Farkas, il quale ritiene che le persone debbano sentirsi parte del processo decisionale.

Facebook Commenti