Ancarano, attesa per la ripresa dell’attività

I consiglieri della CAN hanno concordato l’agenda, auspicando la realizzazione del programma estivo

Riuniti i consiglieri della CAN di Ancarano

Riunito mercoledì sera il Consiglio della Comunità autogestita della nazionalità italiana, guidato dalla presidente Linda Rotter. All’ordine del giorno soprattutto la tanto attesa ripresa delle attività. I mesi di chiusura hanno fatto saltare una buona parte del pianificato, come i festeggiamenti pasquali, i tradizionale scambi dei bambini tra le scuole e molto altro. “Il programma delle attività è stato preparato come di consueto, ma vedremo quanto effettivamente sarà possibile realizzare”, commenta la Rotter. Nonostante gli allentamenti delle restrizioni e la situazione epidemiologica più favorevole, resta l’incertezza nel pianificare l’agenda per i mesi a venire. Ad Ancarano sarebbero profondamente dispiaciuti nel caso si dovesse cancellare il programma estivo, come successo l’anno scorso.

La sede della Comunità italiana

Un’opzione sarebbe trasferire gli eventi e le attività online ma, secondo quanto rilevato dai consiglieri, la partecipazione virtuale è scarsa, conseguenza anche del lavoro da remoto e della didattica a distanza che fa aumentare le ore da passare davanti agli schermi e a fine giornata la gente è stanca dei computer. La Comunità, così i consiglieri della CAN di Ancarano, è fatta di presenza e collettività, perciò si impegneranno a poter fare attività in tale direzione, magari sfruttando gli spazi esterni della sede in via Bevk 1. Uno degli eventi dei quali gli ancaranesi vanno, giustamente, più fieri è la celebrazione della Festa della musica del 21 giugno assieme al Consolato Generale d’Italia a Capodistria, che unisce musica di alto livello e la magia del solstizio d’estate nella suggestiva cornice della spiaggia di Valdoltra.

Martina Angelini

Quest’anno si punterà sulla semplicità e l’essere flessibili, “basta che ci diano delle direttive e ci adegueremo a qualsiasi situazione”, così la presidente Linda Rotter nel rimarcare la disponibilità dei connazionali. Con il Comune resta da pianificare anche la sorveglianza estiva per i bambini, i cui termini di realizzazione probabilmente seguiranno quelli dello scorso anno. Il 2020 è stato anche l’anno che ha visto l’uscita del primo volume virtuale “Diario al tempo di Corona”, con il seguito previsto per giugno. In conclusione la discussione si è spostata sul tema del bilinguismo e sul decreto che è nelle fasi conclusive di preparazione. “Si tratta di un documento importante per uniformare le norme nei quattro Comuni istriani, con l’obiettivo di arrivare alla fase di attuazione entro un anno”, ha spiegato la vicesindaco, nonché consigliere della CAN, Martina Angelini.

Linda Rotter

Facebook Commenti