L’ex Scarpa d’oro Skoblar aggredisce tre donne

Brutto episodio a Privlaka, vicino a Zara, con protagonista l'ex calciatore e allenatore

Josip Skoblaru è stato sempre un personaggio molto focoso. Foto Dino Stanin/PIXSELL

Eravamo abituati a vederlo in prima pagina per le sue straordinarie doti calcistiche prima e da allenatore poi, mai avremmo immaginato che Josip  Skoblar, ex scarpa d’oro d’Europa, re di Marsiglia dove è tutt’oggi considerato una leggenda, avrebbe occupato i titoli d’apertura nelle pagine di cronaca nera. L’ex giocatore e allenatore del Rijeka avrebbe aggredito a Privlaka, in Dalmazia, tre donne  e un minorenne. Privlaka è una località turistica situata a soli 18 km da Zara (dove è nato Skoblar) e a soli 5,5 km dalla città storica di Nona (Nin). Stando ai siti croati, Skoblar si sarebbe anche armato di piccone: a scatenare il putiferio contro le tre donne sarebbe stato l’aver parcheggiato alla fine di un vicolo cieco su terreno di proprietà privata dell’ex calciatore/allenatore. In base alla ricostruzione Skoblar avrebbe preso per il collo una delle tre donne, quella che gli si è avvicinata di più,  stringendo e facendola soffocare. La figlia di Skoblar ha poi dichiarato che il padre si sente in colpa per quanto fatto.
Nato nel 1941, Skoblar ha militato nelle file di Zadar e OFK Beograd (1959–1967), con cui ha vinto per due volte la Coppa di Jugoslavia nel 1962 e nel 1966. È stato tra i primi a trasferirsi all’estero, prima giocando nell’Hannover ’96 (1967–1970), totalizzando 30 gol in 57 partite. L’Olympique Marsiglia lo prelevò dall’Hannover ‘96 e per Skoblar iniziò una grande avventura.
Con l’OM è stato per tre volte capocannoniere del campionato francese (1971-1972-1973). Nel 1971, a 30 anni, Skoblar vinse la Scarpa d’oro europea, segnando 44 gol nella Ligue 1. Detiene tutt’oggi il record di gol segnati in una sola stagione nel campionato di calcio francese. I tifosi dell’Olympique lo hanno soprannominato L’Aigle Dalmate o L’Aigle des Dalmates (L’Aquila della Dalmazia), o Monsieur Goal (Il Signor Gol). Con la squadra di Marsiglia ha vinto il campionato di calcio francese nel 1971 e nel 1972 e una Coppa di Francia nel 1972. Nel 1974 quando la carriera stava volgendo al tramonto, arrivò al Rijeka con il quale in tre anni siglò 10 reti in 36 partite. Skoblar tra il 1961 e il 1967 vestì la maglia della Jugoslavia, segnando 11 gol in 32 partite. Partecipò alla Coppa del mondo del 1962, nella quale la Jugoslavia arrivò quarta. Al Rijeka tornò nella veste di allenatore  dal 1983 al 1986. Porta la sua firma il memorabile successo per 3-1 a Cantrida sul Real Madrid nella Coppa Uefa del 1984, fiumani poi derubati al ritorno dall’arbitro belga Schoeters, capace di espellere per proteste anche il sordomuto Desnica, oltre che Milenković e Tičić, più un rigore inventato per i Blancos e uno non dato ai fiumani…

Facebook Commenti