Revoca delle restrizioni. Gli epidemiologi: «Pochi vaccinati, scenario improbabile»

Il Presidente Milanović e il premier Plenković hanno annunciato la possibilità che al termine della stagione turistica vengano revocate tutte le misure epidemiologiche, copiando il modello inglese. “Aspettiamo ancora un mese e poi aboliamo tutte le restrizioni, anche per non dar adito ai soliti benpensanti di definirci dei selvaggi”, ha detto qualche giorno fa il Capo dello Stato.
Ma questa eventualità non è ben vista dagli epidemiologi. Bernard Kaić, epidemiologo e membro del Comitato tecnico scientifico del governo, afferma è favorevole all’abolizione delle misure “ma solo se oltre il 65% della popolazione sarà vaccinata” (attualmente la percentuale non raggiunge il 40% a livello nazionale, ndr). Il responsabile del Dipartimento epidemiologico dell’Istituto regionale per la salute pubblica di Fiume, Dobrica Rončević, crede che questa sia “una pessima idea, anche perché avrà un effetto negativo sulla campagna vaccinale”. Anche il ministro dell’Interno e capo della task force nazionale, Davor Božinović, non vede di buon grado la revoca totale delle restrizioni: “In Inghilterra possono permetterselo perché sono molto più avanti con la campagna vaccinale rispetto a quanto sta succedendo in Croazia”.

Facebook Commenti