«La Bohème». Felice debutto all’«Ivan de Zajc»

Calorosi applausi per l’opera pucciniana diretta per l’occasione dal Maestro Ville Matvejeff

Il saluto al pubblico a fine spettacolo

È stato un gran bello spettacolo la première di “La Bohème” di Giacomo Puccini, andato in scena sabato scorso al TNC “Ivan de Zajc”, nell’ambito della manifestazione internazionale Notte dei teatri, e applaudito calorosamente dal folto pubblico.
Terzo appuntamento pucciniano nel mese di novembre, dopo “Madama Butterfly” e “Tosca”, l’allestimento è stato realizzato in coproduzione con l’Opera Jyväskylä (Finlandia).
La recita è stata diretta dal Maestro Ville Matvejeff, mentre la regia e le scene sono state curate del regista italo-americano Fabrizio Melano, pluriennale collaboratore del Metropolitan di New York nel suo ultimo periodo d’oro. Il pubblico fiumano ha già avuto modo di apprezzarlo tre anni fa, quando Melano realizzò felicemente la regia di “Werther” di Massenet. Le parti principali sono state interpretate da un cast internazionale, ossia dalla finlandese Marjukka Tepponen (Mimì), da Angelo Fiore (Rodolfo), Kevin Greenlaw (Marcello), Vanja Zelčić (Musetta), Dario Bercich (Schaunard), Luka Ortar (Colline) e Sergej Kiselev (Benoit).
Marjukka Tepponen, soprano dell’Opera di Helsinki, non è un nome nuovo per la platea di Fiume, che la ricorda nel ruolo di Donna Anna nel “Don Giovanni” mozartiano, considerato a ragione uno degli spettacoli più brillanti e originali degli ultimi anni del Teatro “Ivan de Zajc”. L’artista si è distinta nei ruoli di Violetta (“La Traviata”), Zerlina (“Don Giovanni”), Lauretta (“Gianni Schicchi”) e Mimì (“La Bohème”),
Felice debutto a Fiume per il tenore italiano Angelo Fiore. Diplomato al Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze e vincitore di concorsi internazionali, l’artista ha cantato nei principali teatri italiani, al Festival Puccini di Torre del Lago, a New York, Copenhagen e in Lituania. I suoi cavalli di battaglia sono stati finora Calaf, il Duca di Mantova, Cassio (“Otello”), Alfredo (“Traviata”) Pinkerton (“Madame Butterfly”). Prossimamente si esibirà al Bayerische Staatsoper di Monaco. Recentemente ha debuttato alla Scala di Milano nelle opere Ernani e Traviata. Allo spettacolo hanno partecipato alcuni attori del Dramma Croato, il Corpo di ballo e il Coro di voci bianche “Kap”.
Si replica lunedì sera, 18 novembre (ore 19).

Facebook Commenti