I vandali agiscono. I contribuenti pagano

Dopo le pensiline dei bus e le panchine tocca ora ai cestini della spazzatura

0
I vandali agiscono. I contribuenti pagano
Cestino distrutto in via Sergia. Foto: DARIA DEGHENGHI

Certamente non è il primo e non sarà l’ultimo, ma è difficile farci l’abitudine. Un cestino preso a calci è stato danneggiato al punto che è rimasto squassato in via Sergia, praticamente sotto il naso dei vigili urbani che hanno sede da lì a pochi metri: in piazza Foro. L’ennesimo episodio di inciviltà, mancanza di rispetto per i beni pubblici, per l’ambiente urbano e per i cittadini che continuano a pagare riparazioni e sostituzioni senza sosta, lavorando e pagando le tasse. Se non sono le pensiline dell’autobus, sono le panchine, e se non sono le panchine, sono per forza i cestini della spazzatura. Sarà il caso di aguzzare la vista e scrutare attentamente le immagini riprese dalle telecamere della videosorveglianza almeno laddove sono in funzione, visto che non è possibile tenerle ovunque. Una volta tanto qualcuno dovrebbe pur pagare di tasca propria i danni che ha causato alla collettività.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display