Nuove misure sulla costa. Kozlevac: «Ben vengano»

Dino Kozlevac, responsabile dell'Unità di crisi della Protezione civile della Regione istriana. Foto Srecko Niketic/PIXSELL

“Non sono restrittive, bensì aumentano il livello di responsabilità delle persone”. Dino Kozlevac, capo della task force ella Regione istriana, ha commentato con queste parole l’annuncio del ministro dell’Interno, Davor Božinović, sull’adozione, a partire da lunedì 26 luglio, di nuove misure epidemiologiche, che interesseranno soprattutto gli eventi pubblici. “Tutte le manifestazioni potranno svolgersi, però saranno organizzate in modo da essere controllate in modo severo e con l’obbligo del green pass”, ha aggiunto Kozlevac, il quale ha precisato che questi controlli non devono essere messi in pratica dagli organizzatori, ma “da funzionari che avranno l’autorizzazione di procedere anche con la chiusura se necessario”.
Il capo dell’Unità di crisi istriana ha poi rilevato che le feste e festicciole nei villaggi dovranno essere rinviate a tempi migliori. “In questo periodo di pandemia e se vogliamo salvare la stagione turistica, non si può festeggiare dal mattino alla sera…”, ha concluso Kozlevac.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.