«Eugen Kumičić»: un nuovo ristorante

La Scuola rovignese ha avviato la realizzazione del progetto in collaborazione con la Città

In corso il rinnovo del ristorante

La Scuola di formazione professionale “Eugen Kumičić” di Rovigno sta realizzando un nuovo ristorante scolastico.Attualmente è in corso la prima fase dei lavori (installazioni elettriche, soffitti, verniciatura dei muri, climatizzazione) per un valore totale di 220mila kune. Nella seconda fase verrà installato un banco di nuova tecnologia. In quest’ultimo caso si tratta di un progetto candidato ai fondi dell’Unione europea nell’ambito del Centro di competenza regionale. Si attende l’approvazione per l’acquisto e l’installazione.
Nella terza fase seguiranno i lavori in ceramica e vetro, mentre nell’ultima fase è previsto l’acquisto di nuovi mobili.
Per il rinnovo del ristorante e per il miglioramento delle condizioni di lavoro è stato firmato un accordo con la Regione istriana, la Città di Rovigno, l’Ente per il turismo locale, le aziende “Maistra” e “Valalta”, oltre che con l’Associazione degli artigiani di Rovigno. Tuttavia, visto che, a causa della situazione attuale, probabilmente non sarà possibile portare a termine il progetto quest’anno, la scuola ha iniziato la realizzazione del ristorante con fondi propri e con l’aiuto della Città di Rovigno. Il valore stimato dell’intero progetto è di 860mila kune. Dovrebbe essere completato entro la prossima estate. Il nuovo ristorante, dove gli studenti faranno pratica, sarà aperto al pubblico in modo da consentire agli studenti lo svolgimento delle lezioni in condizioni reali, con i clienti, per rafforzare le loro competenze nel lavoro turistico.
Quest’anno a iscriversi alla Scuola è stato il massimo numero di studenti già nel periodo estivo di iscrizione. L’enorme interesse dei giovani è il miglior indicatore del progresso dell’istituto, sia nella qualità dei programmi di istruzione professionale, sia nelle attrezzature e nelle condizioni degli spazi dove risiedono gli studenti e dove si svolgono le lezioni.

Facebook Commenti