L’asilo di Visinada sarà pronto in aprile

La struttura potrà accogliere 55 bimbi, anche nella sezione nido, che ora manca. Il costo è di 10,6 milioni di kune

Marko Ferenac e Neda Šainčić Pilato in visita al cantiere

Procedono con celerità i lavori di costruzione del nuovo asilo di Visinada, che iniziati sul finire della scorsa estate, dovrebbero terminare in aprile, per cui a settembre, se tutto procederà per il verso giusto, l’edificio dovrebbe essere pronto ad accogliere i 55 piccoli fruitori. I lavori vengono realizzati dalla “Vladimir Gortan” di Pisino, in collaborazione con la zagabrese “Domoprojekt”.
“Il valore complessivo dell’intervento – così il sindaco di Visinada Marko Ferenac – ammonta a 10,6 milioni di kune, IVA inclusa. Nell’edificio opereranno tre gruppi, di cui due d’asilo e uno della sezione nido. I lavori sono iniziati lo scorso agosto e la loro conclusione è prevista per il 15 aprile prossimo. I lavori sono finanziati da più parti. La somma più cospicua, ossia 5,2 milioni di kune, è stata assicurata dall’Agenzia per i versamenti nell’agricoltura, nella pesca e nello sviluppo rurale, per mezzo del Programma di sviluppo rurale della Repubblica di Croazia; il Ministero della Demografia, la famiglia, i giovani e la politica sociale ci ha assegnato 1,2 milioni di kune, il resto è a carico del Comune. Per il momento siamo ricorsi a un credito, ma in futuro ci auguriamo di disporre anche di altri sostegni dal Bilancio statale”.
Visinada sta vivendo una costante crescita demografica. Le famiglie giovani residenti nel comprensorio sono numerose e il tasso di natalità indica indici positivi. Va da sè l’esigenza d’inaugurare la sezione nido, di cui l’attuale struttura è priva, come pure la necessità d’assumere nuove educatrici.
“L’attuale sede dell’asilo, ospitata presso l’edificio scolastico – prosegue Ferenac – non dispone degli ambienti adeguati per adempiere a tutte le esigenze. Al momento l’istituzione è frequentata da 35 bambini, ma le richieste sono in costante aumento, anche per la sezione del nido. Stiamo ovviando a questo problema con il cofinanziamento delle spese di soggiorno negli asili privati o presso le persone fisiche autorizzate allo svolgimento di tale attività. La nostra iniziativa è, in effetti, una misura demografica, tesa a sollecitare le giovani famiglie a costruirsi una vita nel nostro territorio. Il tasso d’incremento demografico nel nostro Comune finora era molto positivo e spero che sia così anche in futuro. Le previste capacità ricettive della nuova struttura per il momento soddisfano le richieste”.
Anche un corso d’italiano
La costruzione del nuovo asilo riguarda da vicino anche la Comunità Nazionale Italiana, visto che la struttura sarà frequentata anche dai figli dei connazionali di Visinada, per i quali sarà organizzato anche un corso d’italiano.
“L’edificazione dell’asilo – così la presidente della Comunità degli Italiani locale, Neda Šainčić Pilato – è una bella notizia. Abbiamo contattato l’assessorato alla Comunità Nazionale Italiana e gli altri gruppi etnici, che già da quest’anno avvierà un corso d’italiano di 30 ore. L’iniziativa sarà indirizzata al gruppo prescolare, di modo da preparare i bambini che s’iscriveranno alla proma classe della Scuola elementare per il futuro studio della lingua italiana. A Visinada è dal 1954 che manca una scuola in lingua italiana e lo studio della lingua è facoltativo. Personalmente, m’impegnerò affinchè diventi obbligatorio, quale lingua dell’ambiente sociale. La Comunità degli Italiani parteciperà pure in futuro all’organizzazione di corsi d’italiano all’asilo”.
Visinada porta il titolo di Comune amico dei bambini e la nuova struttura consoliderà questa sua vicinanza al mondo dell’infanzia, anche nella prospettiva di un’ulteriore sviluppo del territorio.

Facebook Commenti