La protesta degli imprenditori a Zagabria: «Vogliamo lavorare» (foto)

"Vogliamo lavorare" recita il cartellone di un imprenditore giunto alla protesta di Zagabria

“La gente vuole lavorare, se gli togliete il diritto costituzionale al lavoro e gli dite di stare a casa, questo è un grosso problema”.  Sono le parole di Dražen Oreščanin, direttore esecutivo della Voce degli imprenditori (Glas poduzetnika), che ha deciso oggi di scendere in piazza mano Jelačič a Zagabria, per protestare contro le misure restrittive ed economiche volute dal governo. “Vogliamo conoscere i nostri diritti, viliamo aver un dialogo aperto con il governo e non che dobbiamo aspettare la conferenza stampa del premier o della task force per conoscere ciò che ci aspetta”, ha ribadito Oreščanin. “Siamo stufi dell’ingiustizia nei nostri confronti dall’inizio della pandemia, siamo stufi delle più alte imposte d’Europa, siamo stufi di decisioni discriminatorie”, ha detto  Oreščanin, davanti a circa cinquemila persone che hanno dato vita alla protesta pacifica ma senza rispettare alla lettera le misure antiCovid (molti non indossavano la mascherina ed era praticamente impossibile mantenere il distanziamento fisico). I partecipanti al maxi raduno hanno chiesto l’abolizione di misure discriminatorie, il regolare versamento delle indennità ai lavoratori, l’abolizione delle tasse parafiscali e delle quote d’iscrizione obbligatorie come pure le dimissioni del ministro dell’Economia, Tomislav Ćorić.

Facebook Commenti