Fiume Cec 2020 fa litigare Obersnel e Plenković

Il premier Andej Plenković e il sindaco di Fiume, Vojko Obersnel. Foto Goran Kovacic/PIXSELL

Botta e risposta tra il premier uscente e presidente dell’HDZ, Andrej Plenković, e il sindaco di Fiume, Vojko Obersnel (SDP). A far scattare la scintilla al primo cittadino del capoluogo quarnerino è stata la dichiarazione del premier: “Per quanto riguarda le attività di carattere corruttivo, attendo che la Polizia e la Procura di Stato si mettano in moto anche nei confronti dell’SDP” alludendo ai concorsi per gli appalti pubblici banditi in seno a Fiume Capitale europea della Cultura 2020. Il sindaco Obersnel non ha perso tempo e oggi stesso, martedì 2 giugno, ha inviato una lettera aperta al premier. “Come Lei ben sa, il progetto Fiume CEC 2020 non ha un prefisso politico, ossia non è né dell’SDP né dell’HDZ. Per quanto ne sappia, la Polizia tre o quattro mesi fa si era occupata della documentazione relativa all’appalto pubblico da parte della ditta che gestisce il progetto Fiume CEC 2020. Ho appreso dai giornali che della questione se ne starebbe occupando la Procura di Stato. Pertanto mi stupisce che Lei inviti a compiere ‘azioni spettacolari’ precisando che queste siano necessarie proprio in seno al progetto CEC 2020″.

Il servizio completo sulla Voce in edicola mercoledì 3 giugno o in formato digitale. Clicca e abbonati 

Facebook Commenti