Abusivismo edilizio. Guai giudiziari per il patron del Rijeka Damir Mišković

Goran Žiković
Il presidente del Rijeka, Damir Mišković. Foto Goran Žiković

Guai giudiziari per il patron del Rijeka calcio, Damir Mišković. Il Pubblico ministero di Zara ha sollevato l’atto d’accusa nei confronti del presidente della società fiumana e di suo padre Šime, l’azienda zagabrese Teh-gradnja e di altre due persone fisiche per abusivismo edilizio. Mišković, infatti, avrebbe costruito una casa, una riva con attracco annesso sul demanio marittimo dell’isola di Pago (Pag). Il Pubblico ministero ha chiesto di condannare tutti e quattro con la condizionale di un anno, mentre la società dovrebbe pagare anche una multa di un milione di kune (13mila euro circa).
La richiesta deriva dal fatto che gli accusati tra il 14 marzo 2014 e il 14 febbraio 2017 nel villaggio di Miškovići hanno concordato con la Teh-gradnja la costruzione di una casa nonostante fossero consci del fatto che la particella catastale su cui è sorto l’immobile è inclusa nel demanio marittimo. Inoltre, non hanno raccolto tutti le licenze necessarie che vengono rilasciate dal Ministero dell’Edilizia, ma che non potevano nemmeno procurare dato il divieto di costruzione sancito dalla Capitaneria di porto di Zara.

Facebook Commenti