Ue, Croazia contraria al «Covid passport»

Igienizzazione all'aeroporto "Franjo Tuđman" di Zagabria Foto: Borna Filic/PIXSELL
In via ufficiosa si apprende che la Croazia al momento non è favorevole all’introduzione dei passaporti Covid e che questa sarà la sua posizione di partenza almeno inizialmente in un incontro virtuale giovedì prossimo, in cui i capi di Stato e di governo dell’Ue discuteranno di questo argomento. “Covid-passport” è un nome
lavorativo  per quello che in realtà risulta essere un certificato di vaccinazione, cioè la conferma dell’autorità sanitaria che una persona è stata sottoposta a immunizzazione contro il coronavirus, che in alcuni Paesi dell’Ue potrebbe sostituire misure rigorose quando si attraversa il confine, o l’obbligo di presentare un test PCR negativo o osservare il previsto periodo di isolamento.

Facebook Commenti