L’asilo a Visinada pronto a fine giugno

Slitta il termine di conclusione dei lavori

I lavori in corso

Continuano senza sosta i lavori di costruzione dell’asilo di Visinada. La sua attività inizierà a settembre, quando la struttura sarà pronta ad accogliere i suoi 55 piccoli fruitori e le loro educatrici. Al suo interno opereranno tre gruppi: due d’asilo e uno nido. L’area esterna sarà riservata al campo giochi. I lavori, iniziati verso la fine di agosto dell’anno scorso, dovevano terminare in questi giorni, ma l’emergenza in corso ha comportato un rallentamento.
“I lavori sono entrati nella fase finale – così il sindaco, Marko Ferenac –. A causa delle misure restrittive adottate per frenare la diffusione del Covid-19, l’esecutore sta operando impiegando il 30% delle capacità e considerate le difficoltà d’acquisto del materiale necessario, non è stato in grado di rispettare i termini previsti. Perciò, avendo presente pure il rispetto delle misure prescritte dal Comando di Protezione civile, abbiamo firmato un annesso al contratto, spostando il termine della conclusione dei lavori dal 14 aprile, com’era previsto in un primo momento, al 30 giugno di quest’anno. Visto il loro andamento, siamo certi che il cantiere chiuderà anche prima del nuovo termine fissato, per cui stiamo procedendo con tutte le altre attività, in modo da rendere agibile la struttura agli inizi di settembre, come previsto in precedenza.
Quest’ultima revisione del contratto è stata preceduta da altri due annessi, in conformità ad alcune modifiche effettuate al progetto di costruzione e alla stessa licenza edile. Da tali cambiamenti è derivato un risparmio di 143mila kune, per cui il costo complessivo dell’investimento è passato da 10,62 a 10,48 milioni di kune, IVA inclusa. A tale cifra vanno aggiunti i costi della supervisione tecnica e progettuale, dei servizi geodetici e di consulenza, nonchè della costruzione della strada d’accesso, per la quale bandiremo il concorso nei prossimi mesi”.

Una proiezione del futuro asilo di Visinada

I lavori vengono eseguiti dall’impresa edile “Vladimir Gortan” di Pisino, in collaborazione con la zagabrese “Domoprojekt” e sono supportati da più fonti. Tramite il Programma di sviluppo rurale della Repubblica di Croazia, l’Agenzia per i versamenti nell’agricoltura, nella pesca e nello sviluppo rurale, ha stanziato 5,2 milioni di kune; il Ministero della Demografia, la famiglia, i giovani e le politiche sociali è intervenuto con 1,2 milioni di kune, mentre il resto è a carico del Comune, che ha fatto ricorso a un credito bancario.
Visinada sta vivendo un processo di costante crescita demografica e le giovani famiglie con bambini piccoli sono numerose, per cui la necessità di disporre d’una struttura adatta a soddisfare tutte le esigenze del territorio è grande. La costruzione del nuovo asilo riguarda da vicino anche la Comunità Nazionale Italiana, visto che la struttura sarà frequentata anche dai figli dei connazionali di Visinada, per i quali sarà organizzato un corso d’italiano, rivolto in primo luogo ai bambini d’età prescolare di modo da preparare i bambini che s’iscriveranno alla prima classe della Scuola elementare per il futuro studio della lingua italiana. Anche se temporaneamente chiusa, l’attuale istituzione prescolare opera nell’edificio della locale scuola elementare ed è priva della sezione del nido. A questo problema s’è ovviato facendo ricorso agli asili privati, cofinanziati dalla cassa comunale e alle professioniste specializzate per lo svolgimento di tale attività.

Facebook Commenti