Calcio. Il Rijeka travolge (7-0) il Triglav Kranj

L’amichevole disputata oggi a Umago si è rivelata in pratica un allenamento un po’ più impegnativo

Antonio Mirko Čolak ha segnato una tripletta. Foto: Željko Jerneić

Il Rijeka non concede proprio nulla al Triglav di Kranj e si aggiudica l’amichevole di preparazione a Umago per 7-0. Il pressing costante dal primo all’ultimo minuto già nella tre quarti avversaria, non ha lasciato scampo alla squadra slovena, che nel corso dei 90 minuti è riuscita a tirare in porta una sola volta quando era già sotto di sei gol. Al di là del valore degli avversari, per il tecnico del Rijeka, Simon Rožman, arrivano delle buone indicazioni in vista della ripresa del campionato e del prossimo impegno in Coppa Croazia contro la Dinamo a Rujevica. Gli unici a non aver fatto vedere praticamente nulla sono stati i portieri Nwolokor nel primo e Pandur nel secondo tempo, in quanto del tutto inoperosi.
Nell’insieme va tenuto conto del fatto che ci sono stati molti cambi che hanno sicuramente contribuito a mantenere alti i ritmi per tutta la durata del match. Čolak ha sbloccato il risultato al 13’, poi c’è stata la rete di Murić al 15’ seguita da altre due di Čolak, al 20’ e al 35’ per il 4-0 con cui si è conclusa la prima frazione di gioco. Nella ripresa è andato in gol lo spagnolo Iglesias al 50’ e quindi Acosty al 69’ per il 6-0. Non ci si è accontentati di questo risultato tennistico che si sarebbe intonato con l’ambiente dello Stella Maris. Dopo averci provato più volte, ha segnato anche Puljić all’83’.
Questa è la squadra schierata da Rožman: Nwolokor (dal 46’ Pandur), Tomečak (dal 46’ Raspopović), Escoval (dal 46’ Čeliković), Velkovski (dal 46’ Galešić), Smolčić (dal 46’ Braut, dal 70’ Štefulj), Pavičić (dal 46’ Halilović), Lepinjica (dal 46’ Capan), Murić (dal 46’ Acosty), Andrijašević (dal 46’ Lončar), Gorgon (dal 46’ Iglesias, dal 70’ Vuk).
Venerdì il Rijeka rientrerà a Fiume, mentre nell’amichevole di sabato a Rujevica ci sarà di fronte un’altra squadra slovena, ovvero l’Olimpija Lubiana.

Facebook Commenti