Dal 12 al 17 settembre Raduno dei rovignesi

Dopo due anni di pandemia per Sant’Eufemia gli esuli tornano nella loro città

0
Dal 12 al 17 settembre Raduno dei rovignesi
La splendida Rovigno. Foto: Roni Brmalj

Dopo due anni difficili, l’annuale Raduno della Famìa Ruvignisa, l’associazione che raggruppa non solo i rovignesi d’origine, sia della diaspora che residenti, ma anche i simpatizzanti, avrà nuovamente luogo a Rovigno, dal 12 al 17 settembre, in occasione della festa di Sant’Eufemia, patrona della città. Sarà il 64.esimo incontro. Due anni fa il Raduno, causa la pandemia, si tenne in un solo giorno al Villaggio del pescatore a Duino, mentre l’anno scorso, all’ultimo momento ne venne organizzato uno a Rovigno, ma in forma ridotta. Quest’anno il programma è più articolato e molte sono finora le adesioni pervenute, persino da residenti in altri Paesi europei e in altri continenti, fra cui numerosi giovani. Già nei primi anni ’90 del secolo scorso i contatti fra la dirigenza della Comunità degli Italiani di Rovigno e della Famìa Ruvignisa si erano ufficializzati, potendo contare sul nuovo clima politico e sui buoni rapporti personali mai interrotti. Con il nuovo millennio, l’annuale raduno si è tenuto regolarmente nella città di Sant’Eufemia, in sinergia con la Comunità degli Italiani, che ha sempre offerto squisita ospitalità e massima collaborazione. In tal modo anche quest’anno i due organismi, presieduti da Viviana Benussi e Gabriele Bosazzi, hanno messo in cantiere numerose iniziative ad ampio spettro.
L’arrivo dei partecipanti e la sistemazione in albergo sono previsti lunedì 12 settembre. La stessa sera alle ore 20 al Centro multimediale avrà luogo un concerto di musica classica intitolato “La musica in Istria al tempo della Serenissima”. Martedì 12 settembre al Teatro “Antonio Gandusio” alle ore 21 si terrà uno spettacolo dal titolo “Le tabacchine”, allestito dalla compagnia di Grado Teatro. Mercoledì 14 settembre alle ore 9.30 è prevista una visita guidata alla Basilica Eufrasiana di Parenzo a cura del prof. Marino Baldini. A seguire una visita a Visinada e alla Comunità degli Italiani di questa località del Parentino. Si pranzerà in un agriturismo della zona. In serata, con inizio alle ore 20, a Palazzo Milossa, sede della Comunità degli Italiani di Rovigno, è in programma un concerto di Sergio Preden Gato dedicato al centenario del Maestro Piero Soffici.
Giovedì 15 settembre alle ore 10.30 visita guidata del centro storico di Rovigno a cura di Angelo Caggiano. In serata, alle ore 20.30 nella sede della CI si terrà la presentazione della nuova edizione del libro “Martin Muma” di Ligio Zanini con intervento del giornalista Ezio Giuricin e letture di Tullio Svettini.
Insieme al termine della serata sarà ricordato, con particolare affetto e gratitudine, Gianclaudio de Angelini, scomparso a Roma lo scorso giugno. Uno dei pochi ancora in grado di scrivere in rovignese, l’antico dialetto romanzo, proprio in occasione dello scorso Raduno, aveva presentato nella città natìa il suo ultimo libro di poesie vernacolari, con la sala grande della Comunità gremita da un pubblico molto partecipe.
Venerdì 16 settembre nella ricorrenza di Sant’Eufemia, nel Duomo alle ore 9 avrà inizio la Santa messa solenne, mentre aalle ore 12.30 sarà organizzato presso il ristorante “Graziano” il tradizionale pranzo sociale. Sabato 17 settembre, invece, alle ore 16.30 si farà visita al lapidario del cimitero Le Laste e verrà deposta una corona in memoria di tutti i rovignesi scomparsi. Alle 19.30 nella sede della CI sarà organizzata la tradizionale “Serata in famiglia” con cena e intrattenimento musicale presso l’Estivo del sodalizio.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display