«Europa a scuola» 25 anni di successi

FIUME | Si è svolta ieri mattina nella Scuola elementare italiana San Nicolò di Fiume una cerimonia per festeggiare il 25.esimo anniversario del concorso regionale “Europa a scuola”. Gremita la palestra scolastica, dove ha avuto luogo la consegna dei diplomi ai vincitori. Come ogni anno la commissione ha selezionato i lavori che rappresenteranno la Regione litoraneo-montana alla finale a livello nazionale in programma a Zagabria. I ragazzi delle scuole elementari e delle medie superiori hanno presentato i propri lavori in tre categorie: letteratura, musica e arte figurativa.

Tra premiati nella categoria lavori letterari (V-VIII classe), con il tema “L’auto volante – Sul cielo sopra l’Europa”, si sono fatte onore anche le alunne della SEI San Nicolò, Chiara Bilić ed Ellie Nahtigal, affiancate dalla mentore Sara Vrbaški. Nella stessa categoria, questa volta tra gli allievi delle prime due classi delle Scuole medie superiori, a conquistare il diploma, per il tema “Pensiamoci… prima che sia troppo tardi”, è stato Emilio Stančić, della prima classe dell’SMSI di Fiume, con il sostegno della prof. Rina Brumini. “Il mondo degli influencer”, di Karla Sorčić, è stato invece selezionato tra i lavori letterari dei ragazzi della terza e quarta media superiore.
Nella categoria artistica, la San Nicolò si è imposta per ben due volte, con i lavori dalle alunne della seconda classe, Asja Zulić e Natali Gaćina, affiancate dalla mentore Melita Adany. Le ragazze hanno presentato le loro opere artistiche sul tema “Il parlamento degli animali”.
L’ex alunna della San Nicolò, oggi giovane liceale, Romina Buttignon, ha raccontato ai presenti le sue esperienze alla finale zagabrese, dove l’anno scorso ha ottenuto il secondo posto nella categoria letteraria, incoraggiando i ragazzi a stringere quante più amicizie con i loro coetanei provenienti da altre parti del Paese.
“La Scuola San Nicolò ospita il concorso ‘Europa a scuola’ dal 1994, dalla prima edizione del premio”, ha rilevato la direttrice della SEI, Iva Bradaschia Kožul, aggiungendo che negli anni passati i rappresentanti regionali hanno riscosso importanti successi nella parte finale della competizione, vincendo pure numerosi premi a livello nazionale. Ha augurato infine alle nuove generazioni di ripetere tali conquiste.

Facebook Commenti