Un omaggio ai valori dell’Unione europea

L’esecuzione dell’”Inno alla gioia”

BUIE | Un saluto all’Europa, frizzante e pieno di brio, quello della Scuola elementare italiana “Edmondo De Amicis” di Buie, messo in scena martedì sera nel Teatro cittadino in occasione dello spettacolo di fine anno scolastico.

Interazione con il pubblico

“Hello Europe” è il titolo dell’incontro che ha visto in apertura sul palcoscenico gli alunni più giovani con un vivace balletto sulle note dell’“Inno alla gioia”, inno ufficiale dell’Unione europea che lo adottò nel 1972, costituito da un brano del movimento finale della Nona sinfonia composta nel 1824 da Ludwig van Beethoven.
Molto interessanti i momenti in cui gli alunni, nelle vesti di presentatori, interagivano col pubblico facendo delle domande inerenti il tema dello spettacolo, ossia sugli Stati membri dell’Ue e sulla Convenzione di Schengen.

Le autorità in sala

A rispondere sempre esattamente il sindaco della Città di Buie, Fabrizio Vižintin, avendo preso posto in platea in prima fila, accanto ad altre autorità come Rino Duniš, presidente del Consiglio cittadino di Buie, Paolo Klarić, sindaco di Verteneglio, la direttrice della Scuola dell’infanzia “Fregola” di Buie, Francesca Deklić, la preside della SMSI “Leonardo Da Vinci” di Buie, Irena Penko e il direttore della Scuola elementare “Mate Balota”, Dražen Hinek.

La partecipazione a Erasmus+

Sono seguiti diversi balletti dedicati all’Austria, alla Spagna e ad altri Paesi, una poesia dedicata all’Europa, una scenetta sull’area Schengen per farne capire in modo scherzoso il significato e un momento di “resoconto” sulla partecipazione della scuola al programma europeo Erasmus+, nel quale l’istituzione buiese, assieme a quella di Domaniža, località slovacca, ha aderito come partner al progetto “Conoscersi meglio a tavola. Tradizioni e identità”, presentato dall’Istituto Comprendivo “Nicolò Tommaseo “di Conselve.
Davanti a una sala gremita di genitori, nonni, zii e amici, con molto orgoglio hanno raccontato la loro esperienza presso i Paesi partner e ben spiegato le opportunità avute, come quelle di arricchire il loro bagaglio culturale, sociale e di esperienze di vita importanti, come conoscere e comprendere nuove culture, sviluppare abilità comunicative in lingua straniera, sviluppare competenze relazionali anche attraverso attività di interscambio sul tema del cibo, costumi e storia, con laboratori di cucina locale presso le località italiana e slovacca.

L’esibizione del coro

Ultimo a salire sul palcoscenico il numeroso e vivace coro scolastico “Angeli bianchi” che, diretto da Vesna Pavlović Jugovac, ha proposto dei brani coinvolgenti e allegri.
In chiusura, a prendere la parola la direttrice Katia Sterle Pincin. “Avete visto uno spettacolo all’insegna di quella che è stata la nostra linea conduttrice di quest’anno, l’Europa e i progetti europei – ha illustrato la direttrice della SEI –. Voglio ringraziare gli insegnanti per tutto l’impegno, che alcune volte richiedeva di lasciare per più giorni le proprie case e le proprie famiglie e viaggiare per l’Europa. Come ogni anno succedono cose belle e altre meno belle: vi consiglio, pertanto, di lasciare alle spalle i momenti meno piacevoli e ricominciare in settembre, ricordandovi solo di quelli positivi. Quindi, a tutti voi auguro buone vacanze con l’auspicio di rivederci in settembre con il sorriso stampato sulle labbra e tanto buon umore”, ha concluso Sterle Pincin.

Facebook Commenti