Torre rifà la cupola del campanile

Il restauro, sostenuto dalla Regione Veneto con 38mila euro, costerà in totale 700mila kune (circa 95mila euro)

Il campanile di Torre si rifà il look

Sta volgendo al termine la prima fase di recupero del campanile della chiesa parrocchiale di San Martino a Torre. I lavori hanno interessato il rinnovo della cupola piramidale, che è risultata anche la parte maggiormente danneggiata, sulla cui sommità nei giorni scorsi è stata ricollocata la croce, che nel frattempo è stata restaurata. In questi giorni si stanno concludendo i lavori agli elementi ornamentali in pietra della loggia. Nell’ultima fase d’intervento, si opererà alla struttura muraria del campanile.
Parte integrante dell’identità architettonica torresana, il campanile è stato costruito nel 1780. Un primo intervento di restauro risale alla fine del XIX secolo, mentre altri lavori erano stati effettuati nel secondo dopoguerra, per riparare i danni provocati dai bombardamenti nel 1943.
I lavori sono finanziati dal Comune e dall’Ente turistico di Torre – Abrega e dalla Regione Veneto. Quest’ultima ha stanziato 38mila euro. Complessivamente. L’intervento costerà un totale di 700mila kune. I lavori vengono realizzati dalla ditta “Kapitel” di Gimino, specializzata in interventi al patrimonio storico-culturale. Il progetto è stato elaborato dall’architetta veronese Elisabeth Foroni e dall’ingegnere Dino Ružić, dell’”Istra Inženjering” di Parenzo.
E mentre sta terminando questa prima fase, si sta già pensando alla seconda che, stando alle previsioni, costerà intorno alle 800mila kune. Anche in questo caso si farà affidamento sulla Regione Veneto, alla quale è stato richiesto lo stanziamento di 19mila euro.
A restauro completato, il campanile integrerà l’offerta turistica locale. Salendo sul campanile i visitatori potranno ammirare lo splendido paesaggio circostante. Da rilevare pure che il campanile conserva pure uno dei pochi esemplari d’orologio esistenti in Istria, nati nella rinomata azienda della famiglia Solari di Pesariis.

Facebook Commenti