Al Festival dei mestieri 800 alunni di 37 scuole

0
Al Festival dei mestieri 800 alunni di 37 scuole
Grande interesse per la manifestazione. Foto: www.ok-istre.hr

La palestra cittadina di Pisino ha ospitato nel fine settimana il Festival dei mestieri, organizzato dalla Camera regionale dell’Artigianato e dalle Associazioni di categoria.

Nel corso della due giorni si sono presentate 15 Scuole per l’avviamento professionale, 14 della Regione istriana e una della Regione litoraneo-montana, che hanno illustrato i programmi formativi legati all’imprenditoria; nell’insieme 37 professioni. L’interesse è stato elevato, tanto che il Festival è stato visitato da 800 alunni di 37 scuole elementari della penisola. La prima giornata dell’evento era riservata alle visite organizzate degli alunni delle ottave classi delle elementari, mentre il giorno successivo era aperto alle visite individuali di alunni e genitori.
Accanto alle medie superiori erano presenti alcuni imprenditori: Vedran Šćulac dell’”Autobox” di Bravari e Dalbor Peteh (officina “Peteh” di Gimino) hanno illustrato le professioni di meccanici e carrozzieri; Filip Stopić (imprenditore edile di Parenzo) ha promosso il mestiere d’imbianchino; Dragan Maksimović (“Vod” Rovigno) il mestiere d’idraulico: Igor Lukin (“Villa Soši” di Umago) ha svelato i segreti del pasticcere; Mirjana Lovaković (“Beauty centar Donna” di Umag) quelli dell’estetista, mentre Ivan Guštin (“Elin” di Pisino) ha trattato l’elettronica, l’elettrotecnica, l’informatica e l’automazione.
Gli alunni hanno inoltre potuto avere informazioni sulle borse di studio, offerte da alcuni artigianati.
All’apertura del Festival erano presenti il presidente della Camera regionale dell’Artigianato, Robert Momić, il sindaco di Pisino, Suzana Jašić, nonché il vicepresidente della Regione istriana, Tulio Demetlika.
Nell’ambito del Festival si è svolta pure una tavola rotonda nel corso della quale si è discusso delle iscrizioni negli indirizzi professionali. Vi hanno preso parte Danijela Žagar, del Settore per lo sviluppo dell’imprenditoria presso il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo sostenibile; Patricia Percan, assessore regionale all’Istruzione e Sport; Suzana Jašić, sindaco di Pisino; Ada Aničić, direttrice dell’Ufficio per l’istruzione presso l’Istituto di collocamento al lavoro di Pola; Nevena Kurteš, consulente per la formazione presso la Camera d’Economia nazionale e Dario Butković, della SMS per l’alberghiera di Pola. Erano presenti, inoltre, i direttori di tutte le SMS per l’avviamento professionale della Regione istriana.
Si è concluso che le quote d’iscrizione per i programmi richiesti sul mercato non “rispondono” in tempo reale alle necessità e quindi si va incontro a disparità. Servirebbe, quindi, una maggiore autonomia nella pianificazione delle iscrizioni a livello regionale e locale. Allo stesso modo è importante reagire celermente ai cambiamenti sul mercato del lavoro e prevedere più ore di lezioni pratiche. Tutto questo andrebbe accompagnato da un sistema di retribuzione adeguato per i mentori e gli insegnanti e da una continuità nei sostegni finanziari agli alunni e agli studenti.
Il Festival è stato organizzato con il supporto della Camera nazionale dell’Artigianato, della Regione istriana, della Città di Pisino e dell’ente pubblico Pazin sport.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display