Lussinpiccolo, il sodalizio ha voglia di fare

L’emergenza Covid ha influito sulle attività invernali della CI, ma non sulla grande volontà dei soci di proseguire con il lavoro

Lavori in découpage e pergamano presentati all’asta di beneficienza

La pandemia di Covid-19 ha influito anche sulle attività invernali della Comunità degli Italiani di Lussinpiccolo: niente tombola al sabato, ginnastica terapeutica, corsi di pergamano, découpage e macramè. Annullato pure il concerto Nadal Lussignan del coro femminile “Vittorio Craglietto” e lo spettacolo di fine anno dei bambini dei corsi e di quelli del gruppo dell’asilo con lingua d’insegnamento italiana situato a Villa Perla, sede del sodalizio. Si è provveduto, invece, a proseguire con le attività che non richiedono raggruppamenti di più persone. La sede è rimasta aperta durante le ore d’ufficio abituali, ovvero lunedì e giovedì dalle ore 10 alle 12, per dare la possibilità ai soci di prendere in prestito qualche libro dalla biblioteca. Inoltre, è stato pubblicato il CD con la canzone “Lussin”, interpretata dai mini-cantanti guidati dalla maestra Martina Kalac, visibile anche su YouTube. Con i più bei lavori di découpage e pergamano realizzati dalle attiviste è stato possibile partecipare virtualmente all’asta di beneficenza organizzata dall’Associazione Nostra infanzia di Lussinpiccolo. Durante tutto il periodo dell’Avvento, i lavori dei singoli cittadini e delle varie aziende locali sono stati esposti nelle vetrine del centro cittadino. In tal modo l’Associazione Nostra infanzia ha potuto anche quest’anno raccogliere i fondi necessari per l’acquisto di materiale per l’ambulatorio scolastico, l’asilo e l’aula per gli alunni con esigenze particolari della Scuola media superiore.

Facebook Commenti