Spalato: triplice killer rischia 50 anni di galera

Nelle due sparatorie Zavladav uccise tre persone. Foto Milan Sabic/PIXSELL

Nei confronti del 25.enne spalatino Filip Zavadlav è stato sollevato l’atto d’accusa per omicidio plurimo, comportamento generalmente pericoloso e possesso di arma da fuoco. L’11 gennaio di quest’anno in una “spedizione punitiva” lungo le vie del capoluogo dalmata, con in mano un kalashnikov, il giovane ha ucciso tre persone, tutte come sembra legate all’ambiente del narcotraffico spalatino, che hanno molestato, importunato parte della famiglia, specie i fratelli che avevano dei debiti nei loro confronti. L’accusa afferma che al momento della mattanza in cui ha sparato 36 colpi (un caricatore intero), dopo una perizia psichiatrica, Zavadlav non era incapace di intendere e volere e quindi consapevole di quello che stava facendo. È stato solo un caso fortuito che di mezzo non ci siano andate persone incolpevoli o passanti per caso. Per tutto questo il giovane rischia il massimo della pena, ossia 50 anni di galera.

Facebook Commenti