Raduni sicuri, ecco la piattaforma

È stata ideata per garantire maggiore sicurezza agli eventi

Raduni spontanei davanti al Teatro di Zagabria

Raduni sicuri, è questo il nome della nuova piattaforma ideata per garantire una maggior sicurezza in tutte le situazioni nelle quali ci saranno degli affollamenti di persone. La piattaforma è online da ieri e offre servizi che dovrebbero coprire i campi legati all’organizzazione di eventi culturali, ma anche di concerti e tant’altro. L’indirizzo da digitare per accedere al programma è okupljanja.hr, con il dominio che è stato creato e verrà gestito dalla Camera d’economia croata (HGK). Questa novità è dovuta al fatto che le nuove misure restrittive per limitare la diffusione del coronavirus permettono assembramenti superiori alle 100 persone, ma solo a determinate condizioni. Dal 1.mo giugno, infatti, tutti coloro i quali organizzeranno eventi dove ci saranno più di 100 persone, dovranno accedere all’indirizzo suddetto e compilare tutti i moduli necessari. Questo significa che la piattaforma diventerà lo strumento ufficiale di cui ci si dovrà servire per poter organizzare tutti i grandi eventi culturali, fra cui mostre, concerti o manifestazioni di qualunque tipo.

 

Fra gli obiettivi di questa iniziativa c’è quello di aumentare la sicurezza tramite un lavoro sulla coscienza di tutti i partecipanti alle manifestazioni, ai quali verrà ricordata l’importanza di continuare ad adottare le misure di sicurezza ancora in vigore. Dalla Camera d’economia fanno sapere come in questo momento sia possibile registrare sulla piattaforma soltanto gli eventi professionali, ma come sia in programma di inserire in futuro anche gli eventi amatoriali, ad esempio, le mostre o le manifestazioni organizzate dalle Comunità degli Italiani sparse per la Croazia. Allo stesso tempo si pianifica di inserire in un secondo momento nella piattaforma anche gli eventi sportivi ai quali partecipa molto pubblico o grandi conferenze.

Un vantaggio immediato nell’usare questo sistema sarà anche la possibilità di venire a conoscenza di come eventuali nuove misure adottate dal governo o da uno dei Comandi della Protezione civile a livello regionale andranno ad impattare l’organizzazione dell’evento. Ossia se da domani si dovesse decidere che per tutte le manifestazioni all’aperto in Istria sia necessario usare la mascherina, sia gli organizzatori che i partecipanti avranno modo di venire immediatamente a conoscenza di questa nuova disposizione.

Facebook Commenti