Mercato del lavoro in Istria: l’offerta non manca

Tra gli annunci d’impiego primeggiano quelli legati al settore turistico-alberghiero e alla ristorazione

La bacheca dell’Ufficio di collocamento tappezzata di annunci

Cercansi chef, cuochi, barman, cameriere ai piani, receptionist, animatori, giardinieri, addetti alla manutenzione… È l’annuncio di ricerca personale pubblicato dall’Arena Hospitality Group, che con qualche settimana di anticipo rispetto alla concorrenza, nei giorni scorsi, ha ufficialmente lanciato la “campagna acquisti” per reperire figure qualificate e motivate da inserire nei suoi alberghi e villaggi turistici: strutture dell’ospitalità e della ristorazione che negli ultimi anni sono cresciuti in numero e in livello qualitativo, ma che oggi – come del resto la maggior parte delle grandi catene turistiche – faticano a individuare e reperire personale idoneo e capace. Come si evince in modo chiaro ed evidente dall’annuncio, l’AGH è alla ricerca di un migliaio di persone. Trovare mille persone da inserire nei propri team di lavoro non è, però, semplice, soprattutto perché la carenza di cuochi, camerieri e altre figure professionali non riguarda soltanto l’Arena Hospitality Group, ma un po’ tutte le grandi aziende turistico alberghiere dell’Istria e della Croazia. Sfortunatamente, sia l’AGH che le altre catene del settore offrono perlopiù lavori stagionali. Tuttavia, meglio un lavoro precario che alcun lavoro.
Nessuno può confermarlo meglio degli attuali 5.322 disoccupati istriani, il cui numero nell’ultimo mese è aumentato del 6,8 per cento rispetto a gennaio 2019 e addirittura del 10,3 p.c. rispetto al dicembre scorso, quando l’Ufficio regionale per l’occupazione aveva registrato un numero di senza lavoro pari a 4.823. Al termine del mese scorso gli uomini disoccupati erano 2.697; le donne 2.625. Più della metà dei disoccupati (2.704) risiede tra Pola e dintorni. L’area dell’Istria con la più bassa concentrazione di persone senza lavoro continua a essere il Pinguentino, dove i disoccupati sono “soltanto” 81. Ad Albona e nelle località limitrofe risiedono, invece, 444 disoccupati. E ancora, tra Pisino e dintorni risiedono altre 319 persone in cerca di un’occupazione. I disoccupati residenti nel Parentino sono poi 757, mentre quelli residenti nel Rovignese e nell’Umaghese sono rispettivamente 531 e 486. Dei complessivi 5.322 senza lavoro, 193 non possiede alcun titolo di studio. Sono, invece, 988 i disoccupati che hanno ultimato le scuole dell’obbligo. Altri 1.709 disoccupati sono in possesso di un titolo di studio di scuola media superiore della durata di tre anni. Le quattro classi della scuola media superiore sono state ultimate da 1.635 persone. I baccalaureati, i laureati e i possessori di titoli di studio superiori sono infine 797. Per quanto riguarda l’età, la categoria di disoccupati più rappresentata a gennaio è stata quella compresa tra i 50 e i 60 anni. I senza lavoro con un’età compresa tra i 20 e i 30 anni sono, invece, 1.069. Sono poi 1.134 i disoccupati con un’età compresa tra i 30 e i 40 anni. E ancora, i disoccupati tra i 40 e i 50 anno sono 1.149. I meno rappresentati sono i senza lavoro con un’età compresa tra i 15 e i 19 anni. I disoccupati ultrasessantenni sono infine 432.
Tornando alle opportunità di lavoro, chi è in cerca di un’occupazione – oltre che rivolgersi e presentare domanda all’Arena Hospitality Group – può come sempre consultare il sito Internet burzarada.hzz.hr dell’Ufficio nazionale per l’impiego, che per quanto riguarda l’Istria informa che, al momento, i posti offerti sono 842. Come prevedibile, con l’avvicinarsi della primavera sono aumentate anche le richieste di personale da parte delle aziende del settore della ristorazione, che oggi cercano 252 persone. Tra gli annunci pubblicati sul sito dell’Ufficio per l’impiego figura anche quello delle Terme di Santo Stefano, alla ricerca di un direttore. Le imprese operati nel settore dell’IT sono in cerca di 26 persone. Altre aziende sono, invece, in cerca di 65 esperti di scienze naturali, mediche e e biotecniche, 31 muratori e 44 operai tessili qualificati. Si cercano inoltre numerosi autisti, commercialisti e tante altre figure professionali.

Facebook Commenti