Istria, territorio a Statuto speciale

L’ipotesi è stata ribadita alla seduta del Consiglio comunale, che ha accolto pure norme più restrittive in tema di decoro urbano

Il tema della regionalizzazione, progetto di legge elaborato e discusso dal Consiglio di Stato lo scorso novembre, è stato uno dei temi trattati all’ultima sessione ordinaria del Consiglio comunale. Nel contesto è stato confermato il sostegno dei Comuni istriani al processo dell’istituzione delle Province, ma propongono – basandosi sulle caratteristiche storiche, geografiche, economiche dell’area e del collegamento territoriale, onde garantire una più efficace protezione dei diritti della Comunità Nazionale Italiana – di istituire un’entità a Statuto speciale nell’esercizio delle competenze municipali di Capodistria, Ancarano, Pirano e Isola. Il nome proposto della Provincia è Istria con sede a Capodistria. Tra gli emendamenti anche una definizione più concreta delle competenze delle regioni, delle fonti di finanziamento per l’attuazione dei compiti provinciali e del rapporto tra la ripartizione delle risorse tra Stato, Province e Comuni, in modo da garantire l’autonomia e la loro solidità finanziaria. “Abbiamo bisogno di un organo intermedio tra il Comune e lo Stato, ovvero le Province tramite le quali gli Enti locali potrebbero realizzare più facilmente i propri interessi”, ha sottolineato il sindaco Danilo Markočič. Alla seduta è stato approvato all’unanimità anche un nuovo decreto sull’ordine e la quiete pubblica che, tra l’altro, vieta la circolazione in costume da bagno nelle aree pubbliche ad eccezione della zona balneare. Una multa di 200 euro è prevista inoltre per i proprietari di cani che non hanno con sé i sacchetti per la raccolta delle deiezioni dei loro amici a quattro zampe. La nuova ordinanza, già in vigore, urgeva prima dell’inizio della stagione estiva, hanno spiegato gli amministratori locali. Pertanto vige il divieto di movimento in costume da bagno, a torso nudo o gambe scoperte dalla cinta in giù, in tutte le aree pubbliche, ad eccezione delle zone balneari. Vietato anche “riservare” spiazzi di spiaggia con i teli di mare. Tra gli emendamenti il dimezzamento della multa da 400 a 200 euro sulla norma che riguarda gli animali pericolosi, come definiti dalla legge, ad esempio per i cani sprovvisti museruola. “Vogliamo che la nostra città sia amichevole per la gente del posto e per i visitatori. Lo scopo del decreto è stabilire l’ordine e non punire. Le multe rappresentano soltanto una misura estrema. In primo luogo i trasgressori saranno avvertiti e soltanto nei casi di recidività seguiranno le sanzioni”, ha fatto notare il primo cittadino, aggiungendo che il Comune ha predisposto a tal fine un volantino che sarà distribuito ai passanti. Nel contempo è vietato organizzare picnic sulle spiagge, nei parcheggi e in altre aree pubbliche, nonché bere e pernottare nei parchi, mercati e fermate degli autobus. In calce alla riunione sono state accolte le proposte dei riconoscimenti comunali per il 2021. Per la lunga carriera di allenatore di tennis da tavolo e i successi ottenuti a vari livelli dai suoi allievi, a Zdenko Švab è stata assegnato un riconoscimento, oltre al premio in denaro. Švab vanta 43 anni di attività in questo comparto sportivo, di cui 25 nel Club di ping pong “Arrigoni” di Isola. La Targa con stemma d’oro è stata invece conferita alla poetessa Dorina Beržan, per il suo contributo alla conservazione della cultura e del dialetto di Isola.

Facebook Commenti