Istria, Quarnero e Dalmazia. Ecco le nuove restrizioni

La notte del pescatore a Comissa (Komiža), sull'isola di Lissa (Vis)

In modo da salvare la stagione turistica e non finire in rosso sulla mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), la task force nazionale ha deciso di applicare nuove misure restrittive sulla costa croata, ossia in Istria, Quarnero e in tutta la Dalmazia, che saranno in vigore da lunedì 26 luglio. Innanzitutto sarà limitato il numero delle persone che potranno ritrovarsi in uno stesso luogo senza il green pass, ma viene anche stabilito il numero massimo di persone che potranno accedere a un evento nonostante il certificato verde. Così, da lunedì da Umago a Ragusa (Dubrovnik) senza il green pass potranno ritrovarsi fino a un massimo di 15 persone, numero che sarà in vigore anche per le  feste private. Numero illimitato di invitati, invece, per i matrimoni, ai quali però tutti dovranno essere dotati del certificato verde, ossia dovranno dimostrare di aver concluso il ciclo vaccinale, di essere guariti dal Covid negli ultimi sei mesi o dovranno essere in possesso del tampone negativo effettuato 48 ore prima dell’evento.
Alle manifestazioni artistico-culturali o di altro genere potranno partecipare al massimo 1000 persone, anche in questo caso esclusivamente munite di green pass.
Infine, maggiore responsabilità viene data alle task force locali e regionali, mentre gli organizzatori di vari eventi dovranno informare le Unità di crisi 7 giorni prima sul loro svolgimento.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.