In memoriam. Un ultimo saluto al Prof. Josip Kregar

Josip Kregar. Foto: Davor Visnjic/PIXSELL

Dire la verità spesso non è né la cosa più facile, né quella più appagante. Ma è la cosa giusta. Tutto il resto rischia di provocare danni permanenti. Me lo disse davanti a un caffè Josip Kregar tantissimi anni fa… Doveva essere nell’anno accademico 1996/97 che vide Kregar titolare del Corso di Sociologia anche alla Facoltà di Giurisprudenza di Fiume. A distanza di più di 20 anni non ricordo come si arrivò al tema; forse era una considerazione generale, forse si era tornati sugli argomenti trattati nell’ambito del Corso durante le ore dedicate ai comportamenti devianti, forse il motivo era un altro ancora… Poco importa. Certo è che il tema era uno di quelli sui quali poneva l’accento, lo ha fatto per anni, forse da sempre… e per sempre. È del 2018 il suo libro intitolato Il silenzio (Šutnja), dove si legge tra l’altro: “Tutto sarà dimenticato. Una cortina di ferro calerà sul passato. Tutto sarà inventato, distorto ed elaborato. I fatti inventati. I codardi diventeranno eroi e le bugie verità. Peggio ancora, gli eroi saranno proclamati codardi”. Se ne è andato all’improvviso, all’età di 67 anni, il Professore Josip Kregar. La notizia ha colto impreparata la comunità accademica, le realtà della società civile alle quali era vicino e il mondo della politica. Difficile riassumerne la biografia, era stato tra l’altro Professore di Sociologia, per due mandati preside della Facoltà di Giurisprudenza di Zagabria, membro del Collegio del Rettore, docente ospite a Graz e Yale, commissionario del governo per la Città di Zagabria, deputato al Sabor, presidente della sezione croata di Transparency International, autore o coautore di centinaia di libri, manuali e saggi, di leggi, del Programma nazionale di lotta alla corruzione e della Strategia di riforma della pubblica amministrazione… Nell’ultimo anno è stato presidente del Consiglio per il sistema politico dell’SDP, partito che lo ricorda con parole scelte. Il suo contributo alla comunità accademica e l’impegno nella lotta ai conflitti d’interesse e a favore dei diritti umani sono stati ricordati dal premier Plenković. “Non ha mai rinunciato a battersi per la giustizia, la verità e la trasparenza”, ha scritto il Presidente Milanović nel suo messaggio di cordoglio.

Facebook Commenti