Kiev: «Abbiamo perso il controllo di Chernobyl»

0
Kiev: «Abbiamo perso il controllo di Chernobyl»

(Adnkronos) – L’Ucraina ha perso il controllo della centrale nucleare di Chernobyl, dove oggi si è combattuto intensamente con le truppe della Russia. Lo ha reso noto il consigliere del presidente Zelensky, Mykhailo Podolyak, precisando che in questo momento Kiev non ha informazioni sulle condizioni in cui si trovano i reattori spenti, la zona di confinamento e il magazzino delle scorie nucleari. L’agenzia Unian denuncia che i dipendenti del sito sono di fatto in stato di sequestro.

“Una dichiarazione di guerra contro l’intera Europa”, così il presidente dell’Ucraina Volodymyr ha definito l’attacco della Russia alla centrale di Chernobyl. “I nostri difensori stanno dando la vita perché la tragedia del 1986 non si ripeta”, ha scritto in precedenza su Twitter il presidente ucraino, dicendo di averne parlato con il premier svedese.

“Una catastrofe umanitaria per i rischi di combattimenti vicino gli impianti nucleari” dell’Ucraina e “dell’escalation verso una guerra nucleare” è l’allarme che lanciano i medici, americani e russi, dell’International Physicians for the prevention of nuclear war (Ippnw) in un documento pubblicato online.

Secondo Linda Pentz Gunter, fondatrice di Beyond Nuclear, “non importa la genesi, la causa o chi ha iniziato cosa, la realtà è che ci sono 15 reattori nucleari operativi in Ucraina – ricorda – Se i reattori si trovano nel mezzo di un conflitto o di una guerra, non possono essere semplicemente abbandonati. Questo ci impone di evitare con urgenza questa possibilità”. Secondo gli esperti, “la guerra potrebbe portare ad un disastro simile o peggiore del crollo del reattore di Chernobyl del 1986”.

Olga Mironova, cardiologa di Mosca e presidente dell’Ippnw russa, lancia un appello a tutte le parti in conflitto “per un passo indietro prima del baratro” e a “perseverare con gli sforzi diplomatici per ridurre le tensioni e negoziare una soluzione pacifica”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display