I vertici UPT fanno visita alla Società Studi Fiumani

Marino Micich, Emilio Fatovic, Giovanni Stelli e Fabrizio Somma

I dirigenti dell’Università Popolare di Trieste si sono recati in visita alla Società di Studi Fiumani – Archivio Museo di Fiume, in occasione dei 120 anni di attività dell’Ente morale triestino per la promozione della cultura italiana a Trieste, Istria, Fiume e Dalmazia.
Il presidente della Società di Studi Fiumani Giovanni Stelli e il presidente dell’UPT Emilio Fatovic, hanno ricordato in particolare i trent’anni di collaborazione tra le due istituzioni, che ha prodotto importanti ricerche, studi internazionali, convegni a Fiume, premi letterari per le scuole italiane di Fiume e visite di studenti delle scuole italiane di Fiume al Museo Fiumano di Roma. Si è trattato di iniziative culturali promosse nel segno di una cultura europea rispettosa delle etnie, delle lingue e delle culture che popolano le terre giuliane, istroquarnerine e dalmate, per costruire un futuro europeo di pace e di collaborazione senza dimenticare le tragedie del passato.
Hanno presenziato all’incontro tra UPT e Società di Studi Fiumani anche i membri del Consiglio di Amministrazione dell’Ente triestino e alcuni stagisti. I segretari generali della Società di Studi Fiumani e dell’Università Popolare di Trieste, rispettivamente Marino Micich e Fabrizio Somma, hanno ricordato ai presenti alcuni dettagli interessanti relativi alle numerose iniziative promosse in tanti anni per il mondo della scuola a Fiume e ribadito la volontà di rafforzare sempre più la collaborazione per promuovere la lingua e cultura italiane, in sinergia con le istituzioni della minoranza italiana.
Al termine dell’incontro il presidente dell’Università Popolare di Trieste Emilio Fatovic ha consegnato al presidente della Società di Studi Fiumani Giovanni Stelli e al segretario generale Marino Micich delle targhe di merito e riconoscenza per la costante e sinergica collaborazione tra le due istituzioni.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.