Fiume. Energo: accesi i caloriferi, scatta il rincaro

La centrale termica nel rione di Krnjevo. Foto Goran Zikovic

Le centrali termiche dell’Energo sono state messe in funzione nei giorni scorsi e i caloriferi degli utenti sono stati accesi. Da ieri, però, è scattato anche l’aumento del prezzo del riscaldamento. In base al nuovo listino un kWh costerà 0,3795 kune (+ IVA), invece delle 0,35 applicate finora, per un rincaro dell’8 per cento. Il prezzo della parte fissa della bolletta rimarrà invariato, 18,5 kune per un kWh di potenza installata.
L’Energo giustifica questo ritocco dei prezzi con l’aumento del prezzo del gas naturale, che dal 1º aprile scorso ha subito un rincaro in media del 6,24 p.c., a seconda della categoria degli utenti. Comunque sia, sempre all’Energo ritengono che l’aumento non dovrebbe incidere molto sulla bolletta. Per un appartamento condominiale di 60 metri quadrati dovrebbe ammontare a 15,80 kune. Nel caso in cui dovrebbero verificarsi bollette più alte del previsto l’Energo interverrà nella parte che riguarda la distribuzione dei costi relativi al condominio.
Nel regime di lavoro invernale i sistemi di riscaldamento di Gornja Vežica, Vojak, Valscurigne, Cosala, Zamet e Podmurvice lavoreranno 24 ore al giorno. I condomini allacciati alle suddette centrali possono definire autonomamente la durata del riscaldamento nel corso della giornata, ovvero della notte (ad esempio dalle ore 5 alle 24, dalle 6 alle 23.30, oppure qualsiasi altra combinazione) e, indipendentemente dal riscaldamento, l’erogazione dell’acqua calda (ad esempio 24 ore su 24, dalle 5 in poi e via dicendo).
Gli abitanti dei condomini che non desiderano ancora riscaldare i propri alloggi possono decidere di rimanere esclusi fino al momento in cui tutti saranno d’accordo di farlo. Per ulteriori informazioni i cittadini possono rivolgersi direttamente all’Energo, al numero di telefono gratuito 088 353 040.

Facebook Commenti