Parenzo. Maradona apre PorečDox 2019

Dal 4 al 9 novembre, organizzato dall’Università Popolare Aperta parentina, nona edizione del Festival del docufilm

La locandina del documentario su Diego Armando Maradona

Il Festival internazionale del docufilm PorečDox apre i battenti lunedì, 4 novembre (chiusura il 9 novembre) e propone un cartellone di tutto rispetto, con lavori della produzione internazionale e di casa nostra.
Nella sala dell’Università popolare di Parenzo sono una ventina i docufilm calendarizzati in una locandina in cui ogni appassionato di questo genere troverà qualcosa di suo interesse. L’edizione del Festival di quest’anno va fiera della collaborazione con l’HBO.
Non c’è un leit motiv, ma le tematiche proposte rappresentano una tavolozza da cui attingere a proprio gusto e misura. Così la rassegna sarà aperta dal biopic su Diego Maradona, il calciatore che ha vissuto momenti di gloria a Napoli e con l’Argentina e momenti di profonda crisi esistenziale, dalla quale ancor oggi sembra non essersi ripreso. Oltre al Pibe de oro, il Festival propone biopic di altri personaggi famosi come il designer Alexander McQueen, il re del pop-soul Michael Jackson e sua maestà Luciano Pavarotti.
In quanto alla produzione nazionale, mercoledì è riservato al film di Mladen Đaković e Ivan Tripar, sulle avventure ed emozioni vissuti dal team croato al famoso rally Parigi-Dakar, team di cui ha fatto parte anche il connazionale parentino Daniel Šaškin.
Uno dei temi di maggior spunto per i documentaristi è la musica, così al PorečDox vedremo un film su complessi e note dell’ex Jugoslavia, mentre “The Beatles: Eight Days a Week” racconta il complesso che ha fatto la storia del rock. Premiato con l’Oscar Ron Howard (Richie della fortunata serie “Happy days”) firma il biopic “Pavarotti”, che alza il velo sull’altra faccia del compianto tenore italiano, quella umana…

Facebook Commenti