Brazza (Brač). Il fidanzato le conficca un coltello nel collo

Supetar sull'isola di Brazza (Brač). Foto Miranda Cikotic/PIXSELL

Della società finlandese, spesso si usa dire che sia una tra le più “a misura d’uomo” in Europa. Uno dei Paradisi in cui si vive meglio nel Vecchio Continente, freddo a parte… Una coppia di turisti scandinavi in vacanza a San Pietro sull’isola di Brazza (Brač) evidentemente non si ritiene in linea con questa considerazione che non è solo parte del comune immaginario, ma anche confermata da ricerche e sondaggi.
La coppia, lei tra i 50 e i 60 anni, lui una decina di primavere più vecchio, è stata protagonista di un fatto mai visto sull’isola e che ha scioccato non poco i residenti: sembrava quasi la scena fi un film horror. Sulla stradina di San Rocco, una donna è uscita all’aperto tenendosi il collo con le mani: dalla ferita in cui era piantato un coltello sgorgava sangue. In base a una prima ricostruzione approssimativa si tratterebbe di tentato omicidio. Sarebbe stato il partner a ferire la donna. In stato di shock , barcollante e debole per la perdita di sangue la donna è stata trasportata con l’elisoccorso all’ospedale di Spalato, dove è stata immediatamente sottoposta a intervento chirurgico. L’operazione è stata lunga e la prognosi rimane riservata.
Dopo l’elisoccorso, a San Pietro di Brazza è scesa in campo la Scientifica per raccogliere tutto quanto potrebbe risultare utile ai fini dell’inchiesta e a ricostruire il fatto. La Questura di Spalato non ha rilasciato dichiarazioni. L’uomo è stato arrestato e oggi, dopo aver trascorso la notte in cella è stato interrogato. È emerso oggi che anche l’uomo finlandese ha riportato ferite lievi, tagli ed ematomi vari alle gambe e alle mani.

Facebook Commenti