Mascherina, misurazione febbre… Ecco come si voterà domenica

Le linee guida della Commissione elettorale in collaborazione con l'Istituto nazionale per la salute pubblica

Mascherina, misurazione della febbre, mantenimento della distanza e votazione quanto più veloce. Sono queste i punti principi delle linee guida per le elezioni parlamentari di domenica prossima, 5 luglio, pubblicate dalla Commissione elettorale (Dip).
Domenica mattina, prima di recarsi al seggio, si consiglia di “misurare la febbre e nel caso fosse superiore a 37,2, è preferibile rimanere a casa”. Si consiglia pure l’uso della mascherina, anche se “chi non la indosserà avrà comunque garantito il diritto a esprimere la propria preferenza”.
La Commissione elettorale, in collaborazione con l’Istituto nazionale per la salute pubblica assicurerà la possibilità di votare anche a coloro che si trovano in autoisolamento, e non sono pochi dopo i diversi focolai che si sono verificati negli ultimi giorni in Croazia, soprattutto a Zagabria e nella parte orientale del Paese. Gli elettori in isolamento devono contattare il comitato elettorale in base al loro luogo di residenza entro giovedì, 2 luglio. Così potranno esprimere il proprio voto davanti alla propria abitazione, dove si recheranno i membri del comitato elettorale. Questo persone potranno, comunque, votare anche se dovessero ritardare con la notifica, ma potranno contattare il comitato elettorale solo fino alle 12 di domenica.
Voto assicurato anche nelle istituzioni, come gli ospedali e le case dell’anziano, dove sono vietate le visite e le uscite a causa dell’epidemia. “Si tratta di una categoria a rischio e quindi le misure per i membri dei comitati elettorali saranno ancora più severe. Se dovranno entrare in corsia o nelle camere, avranno l’obbligo di indossare la mascherina, i guanti, le protezione per le scarpe.

Facebook Commenti