Calcio, oggi il Varaždin. Dopo Hajduk e Istra, Rijeka a caccia del tris

I giocatori del Rijeka esultano dopo una vittoria. Foto: Goran Kovacic/PIXSELL

Settimana tranquilla, atmosfera serena e un avversario di comodo per salire ancora in classifica e far divertire i tifosi. Oggi alle 15 il Rijeka a Rujevica attende la matricola Varaždin (per la quarta volta in questa stagione, in tre hanno avuto la meglio i fiumani). L’allenatore Simon Rožman cerca di fare il pompiere ma non può esimersi dal ruolo di squadra favorita specie dopo le belle prestazioni con Hajduk e Istra in cui lo sloveno sembra abbia trovato la “quadratura del cerchio” dando alla compagine
quell’equilibrio e compattezza tra i reparti che al suo arrivo erano mancati. E non nasconde di essersi sentito telefonicamente con Matjaž Kek, uno che ha Fiume nelle vene e conosce il DNA di ogni calciatore. Oggi Rožman avrà a disposizione due pedine fondamentali: Andrijašević torna disponibile dopo il turno di squalifica, come anche il laterale destro Zoran Kvržić messo per un attimo fuori squadra dopo la cocente debacle con la Dinamo. “Kvrga”ha ritrovato la condizione e per questo pomeriggio è convocabile. Sono acciaccati ma disponibili Gorgon e Halilović. Probabile che entrambi siano in campo nel 4-2-3-1 mutevole (a seconda delle fasi di gioco) di Rožman. Oggi si rivedrà a Fiume l’ex tecnico del Rijeka (1996) Luka Bonačić in seria difficoltà per le tante assenze annunciate; da Stolnik a Jessie, da Glavina a Lisakovich. Ma sarà una partita speciale per il portiere Ivan Nevistić, proprietà del Rijeka in prestito al Varaždin. Con la Dinamo ha fatto vedere di che pasta è fatto. Il suo ritorno a Fiume dovrebbe essere attuale già a gennaio.

Facebook Commenti