Addio a Goran Sobin. Pivot della Jugoplastika dei miracoli

Goran Sobin in una foto d'archivio. Foto Pixsell

Lutto nel basket croato. All’età di 59 anni è scomparso Goran Sobin, leggendario pivot della Jugoplastika, stroncato da un arresto cardiaco. A darne notizia è stato il club di Gripe con un breve comunicato. “All’improvviso ci ha lasciato Goran Sobin. Era nato il 3 settembre 1963 ed è stato uno dei pilastri della Jugoplastika nei suoi anni d’oro, vincendo nell’occasione anche due titoli di campione d’Europa. Goran, grazie di tutto e addio”, si legge nel saluto.
Sobin ha fatto parte dell’indimenticabile generazione (quella di Toni Kukoč e Dino Rađa tanto per citarne alcuni) dei “žuti” (i gialli) che nel 1989 aveva portato a Spalato la corona europea, bissando poi il successo l’anno seguente.
Con la maglia della Jugoplasika si era laureato anche campione jugoslavo in tre occasioni. Durante la sua ricca carriera aveva indossato pure le maglie di Aris Salonicco, Cibona, Zagreb, Alkar e Taugres. Sobin aveva indossato anche la maglia della Jugoslavia prima e della Croazia poi. Dopo avere chiuso la carriera di giocatore non lo si vedeva spesso nel basket.
Il testimone di Goran era stato preso dal figlio Josip, che dopo una carriera iniziata nello Split aveva militato nel Trogir e nello Zadar, come pure in Spagna, Italia e Polonia.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.