Cultura, arte, gastronomia. I volti del Made in Italy

Il Console generale Davide Bradanini sulle iniziative volute dal MAECI e sul rinnovo del Comites. Il voto va espresso per corrispondenza entro il 3 dicembre

Il Console generale d'Italia a Fiume, Davide Bradanini

Dalla cultura alla creatività, dalla formazione all’istruzione senza dimenticare la dimensione rappresentativa, l’importanza dell’informazione, il significato fondamentale del dialogo con il territorio e le sue istituzioni… Tutto questo e molto altro ancora detta i contenuti di un ampio ventaglio di iniziative, progetti e attività incluse nell’agenda del Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale che coinvolge la rete diplomatico-consolare a livello globale. Nei territori d’insediamento storico della CNI queste attività e iniziative s’arricchiscono ulteriormente nell’incontro tra le anime che rendono queste aree un punto d’incontro di identità, lingue, culture e sensibilità che formano un intreccio unico di multilinguismo e multiculturalismo. Ne parliamo con il Console generale d’Italia a Fiume, Davide Bradanini, al quale chiediamo di raccontarci più nel dettaglio i contenuti degli eventi in corso, ma anche di ripercorrere le esperienze maturate in occasione della Settimana della Cultura Italiana e di fare il punto sull’appuntamento elettorale per il rinnovo del Comites Fiume. A riguardo ricordiamo che si vota per corrispondenza.

 

Una volta registrati i connazionali hanno ricevuto dal Consolato il plico contenente il materiale elettorale. Una volta espresso il voto seguendo le istruzioni, la scheda elettorale deve essere restituita per posta al Consolato Generale utilizzando la busta già affrancata contenuta nel plico. Le schede devono pervenire al Consolato entro il 3 dicembre.

Sostenibilità alimentare

Conclusi da poco gli appuntamenti programmati nell’ambito della Settimana della Cultura Italiana l’attenzione si è spostata ora su un’altra espressione del Made in Italy inteso come esempio seguito a livello globale. Il riferimento è alla Settimana della Cucina italiana in corso di svolgimento (22-28 novembre). Voluta dal MAECI, l’iniziativa si svolge a livello globale. Importanti appuntamenti sono proposti anche a Zagabria e a Lubiana. Non mancano gli eventi a tema a Fiume e in Istria. Che cosa propone nell’occasione il Consolato Generale d’Italia a Fiume?

Il tema di quest’anno – tradizione e prospettive della cucina italiana, consapevolezza e valorizzazione della sostenibilità alimentare – ben si adatta a un programma di riscoperta della ricchissima tradizione gastronomica del nostro Paese, sempre più conosciuto nel mondo non solo per gusto e creatività in cucina, ma per l’attenzione ai temi della sostenibilità agroalimentare in tutte le sue forme. Il Consolato Generale promuove in questo contesto diverse iniziative: mercoledì 23 novembre, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso aperto agli studenti del Dipartimento di italianistica dell’Università di Fiume e dedicato al tema della rassegna, mentre da oggi, giovedì 24 novembre fino a sabato 27 novembre si tengono una serie di iniziative a Cittanova e a Pola in collaborazione con Slow Food Istria: un corso di cucina con erbe spontanee della tradizione italiana, un evento gastronomico dedicato alla cucina del Trentino-Alto Adige e una cena-”derby” gastronomico tra Genova e Napoli. Non mancano iniziative a Fiume e Abbazia, in collaborazione con le rispettive Comunità, che ringrazio per l’impegno: si è concluso domenica scorsa con un gustosissimo pranzo il laboratorio di cucina dello chef Roberto Colombo a Palazzo Modello, dove si è tenuto il monologo teatrale “Posso offrire un caffè?” con Carlo Di Maio; presso la sede della CI di Abbazia, si è tenuta invece un’interessante conferenza di Deborah Voncina Ivanić, autrice di un volume di ricette vegetariane. L’evento è stato accompagnato da una degustazione e da un intermezzo musicale a cura di Alida Delcaro.

La storia internazionale

Rimanendo in tema di promozione del Made in Italy, numerose sono le iniziative promosse dalla Farnesina anche online. Vengono in mente il Portale Italiana, il videogioco pensato per favorire la conoscenza dello Stivale e del suo patrimonio artistico-culturale (e non solo)… L’offerta in realtà è ben più articolata, può sintetizzare ai lettori una “guida minima”?

La ringrazio per aver fatto riferimento al videogioco “ITALY. Land of Wonders”, un progetto – davvero unico nel suo genere – di promozione, con un approccio ludico e al contempo informativo, dell’immenso patrimonio culturale, artistico, paesaggistico e gastronomico italiano. Ricordo che il videogioco è scaricabile gratuitamente su smartphone da App Store e Google Pay Store. In secondo luogo, vorrei ricordare il lancio della serie di podcast “Storie diplomatiche”, un’iniziativa che punta a promuovere il patrimonio archivistico e documentale della Farnesina e a favorire la conoscenza della storia della politica estera italiana. Gli episodi ripercorrono e approfondiscono alcuni passaggi chiave della storia internazionale dell’Italia – e non solo – attraverso il racconto dei documenti custoditi nell’Archivio Storico Diplomatico e gli interventi di accademici e studiosi. Le prime sei puntate, dal titolo “Quando le armi tacciono”, si concentrano sull’azione della diplomazia italiana al termine di guerre e conflitti, o comunque nel momento di forti cambiamenti degli assetti politici internazionali. Invito i connazionali a visitare il sito del Consolato Generale per i link ai primi episodi. Seguiranno puntate dedicate alla Conferenza della pace del 1946 e scelta occidentale dell’Italia; alla questione altoatesina; all’Italia e il processo di integrazione europea; all’Italia alla fine della Guerra fredda.

Invito i connazionali a visitare con regolarità il sito del Consolato Generale, dove raccogliamo opportunità e informazioni di interesse: da ultimo, abbiamo segnalato l’avvio della 27.esima edizione del Concorso Campiello Giovani, un concorso letterario rivolto ai giovani fra i 15 e i 22 anni per la scrittura di un racconto a tema libero in lingua italiana, esteso per la prima volta ai giovani residenti all’estero. Invito i tanti talentuosi giovani connazionali a partecipare.

L’immensa opera dantesca

Siamo in un periodo segnato da importanti anniversari, su tutti i 700 anni dalla morte di Dante, il padre della lingua italiana…

È stato un anno denso di appuntamenti, in Italia e nel mondo, dedicati al nostro Sommo poeta, il padre della lingua italiana e figura di universale, straordinaria rilevanza a livello mondiale. All’anniversario dantesco è stata dedicata la 21.esima edizione della Settimana della Lingua Italiana nel mondo, in occasione della quale anche il Consolato Generale, d’intesa con l’Ambasciata a Zagabria, ha proposto un ampio ventaglio di iniziative nel Quarnero e in Istria. Due spettacoli teatrali, una tavola rotonda e un concorso letterario dedicati a Dante, oltre alle innumerevoli e ricche manifestazioni proposte dalle Comunità ci hanno permesso di esplorare dimensioni a volte poco note dell’immensa opera dantesca.

A proposito di anniversari, tra poco ne ricorrerà uno di grande valore simbolico per tutta la CNI: il 75.esimo anniversario del Dramma Italiano, l’unica compagnia teatrale stabile in lingua italiana al di fuori dai territori nazionali e vera e propria colonna portante di cultura e lingua italiana in Croazia e Slovenia.

Scadenze elettorali

Tra eccellenze e ricorrenze non va dimenticata l’importanza della partecipazione. In questo senso l’attenzione va portata sui Comites. Le elezioni per il rinnovo di questi organismi di rappresentanza degli italiani all’estero si svolgeranno il 3 dicembre. Le iscrizioni al voto si sono concluse il 3 novembre scorso, anche per il Comites Fiume. Vogliamo ricordare l’importanza del voto e le opportunità che offre il Comites?

Ricordo innanzitutto che i connazionali che si sono registrati al voto, ma che non hanno ricevuto presso il proprio indirizzo di residenza o domicilio il plico elettorale possono fare richiesta di un duplicato al Consolato (per email, con copia di documento di identità, o di persona). Ricordo che le buste contenenti le schede elettorali vanno rispedite al Consolato, dove dovranno giungere entro il 3 dicembre.

Si tratta di un appuntamento importante: con il rinnovo del Comites la comunità di connazionali residenti in Istria, Quarnero e Dalmazia ha l’opportunità di dotarsi di uno strumento dinamico e per realizzare innovativi progetti potenzialmente di notevole impatto per la promozione dell’imprenditorialità, della cultura e della lingua italiane, integrando e lavorando insieme alle tantissime realtà rappresentative della Comunità nazionale italiana autoctona. Mi fa pertanto molto piacere che fra i candidati moltissimi siano giovani alla loro prima esperienza politica: è della loro creatività e spirito d’iniziativa che ha bisogno il Comites di Fiume.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.