Cosala diventa rione del cinema

Nella sede del locale Comitato di quartiere inizieranno sabato, 19 settembre le proiezioni cinematografiche

La sede del Comitato di quartiere di Cosala

Cosala si trasformerà questo fine settimana in un rione cinematografico. Infatti, sabato, 19 settembre alle ore 19.30, la sede del locale Comitato di quartiere diventerà una sala cinematografica nella quale verranno proiettati, analizzati e studiati i film al fine di formare una comunità di appassionati di cinema. L’obiettivo finale è la fondazione di un club cinematografico di quartiere.
L’iniziativa per il rione – nell’ambito delle Iniziative civili di Fiume CEC –, con l’appoggio dell’Associazione Liburnia Film Festival e di Ritam podzemlja, avvierà il progetto “Cinema nel quartiere” che fino alla metà di novembre stabilirà le basi di una nuova vita culturale e filmica della sede del Comitato di quartiere di Cosala con il motto “locale, sostenibile, accessibile, fattibile, collaborativo” (la sigla croata recita LODIS).
L’idea degli organizzatori è di collegare gli abitanti di Cosala attraverso il programma cinematografico, informarli e attivarli al fine di abilitarli alla creazione di contenuti culturali nel loro rione, instaurare rapporti con altri partecipanti alla vita pubblica del rione come associazioni, iniziative, l’amministrazione locale, la scuola e l’asilo e collegarsi con rilevanti enti culturali cittadini e nazionali.
In programma proiezioni di documentari di autori e autrici locali, conversazioni e laboratori educativi. Verranno proiettati anche film animati per bambini e alcuni film classici adatti a tutte le generazioni. Le proiezioni saranno accompagnate da un programma musicale che completerà il ciclo di eventi culturali nel rione.

Il primo documentario in programma

Lo spirito mediterraneo di Fiume
Sabato, 19 settembre alle ore 19.30 verrà proiettato il documentario “Pijana ulica” (Via ubriaca, 2017) del regista fiumano Marin Lukanović, che parla della calle dei Velai nel centro di Fiume la quale, come punto d’incontro di avvocati, pescatori, operatori culturali, vecchi fiumani, ubriaconi e bambini, rappresenta l’essenza dello spirito mediterraneo nascosto della città. La proiezione sarà seguita da una conversazione e da una jam session, nell’ambito della quale verranno eseguite musiche da film.
Giovedì, 24 settembre il programma prosegue con la proiezione del documentario “Bosanoga (sasvim slučajna smrt” (Bosanoga (una morte accidentale), 2011) di Morana Komljenović, che sarà seguita da un colloquio tra l’autrice e Marin Lukanović. Il 1.mo ottobre è prevista la proiezione del documentario “Teatar Chaplin – tragikomedija u četiri čina” (Teatro Chaplin – tragicommedia in quattro atti) di Zoran Krema, mentre l’8 ottobre il pubblico e la comunità riunitasi durante le proiezioni precedenti organizzerà una proiezione di un film di sua scelta.

Proiezioni di classici
Il programma “Cinema nel quartiere” proseguirà il 15 ottobre con il ciclo di cartoni animati “Balthazar”, mentre il 24 ottobre verrà proiettato “Lo straniero” di Orson Welles, che sarà seguita da una conferenza del filmologo Boris Ružić e da un programma musicale. Il 30 ottobre è prevista la proiezione di classici come “Surogat”, “Piccoli orsetti volanti” (Mali leteći medvjedići), il 7 novembre si potrà vedere “Addio alle armi” di Charles Vidor (1957), mentre l’ultima proiezione, il 14 novembre, sarà arricchita dal programma Best of LODIS che sarà preparato dal Comitato di quartiere Scurigne e da una blues jam session.
L’ingresso a tutti i programmi è libero; il pubblico è pregato di indossare le mascherine negli spazi chiusi e di attenersi a tutte le misure antiepidemiologiche.

Facebook Commenti