Pola. Interventi sulle strade: lo stretto necessario

Il gettito fiscale di quest’anno è ridotto per cui i lavori pubblici si limitano alla manutenzione

Cinque rampe e tre passaggi pedonali in via Capo Promontore

Pochi e necessari. Gli investimenti nella manutenzione della rete stradale del secondo semestre dell’anno sono ridotti all’osso come conseguenza della crisi del gettito fiscale scatenata a sua volta dalla crisi epidemiologica da coronavirus. Terminate – nella prima metà dell’anno – le grandi opere pubbliche progettate e cantierate nel 2019, ormai ogni intervento dedicato alla rete stradale e alle pubbliche infrastrutture è di sola manutenzione, tra l’altro di sola manutenzione strettamente necessaria o pressante, oltre che economica e fattibile senza sprechi.

Carreggiata e marciapiedi a nuovo in via Negri

Una serie di interventi edili sono in corso nel rione suburbano di Bussoler, che da decenni accusa carenze di manutenzione stradale rispetto ai quartieri della cosiddetta fascia urbana. Lunedì mattina sono iniziati i lavori alla costruzione di alcuni raccordi stradali in via Bussoler. La lunghezza complessiva del manto d’asfalto in costruzione è di 280 metri. L’appalto è stato affidato al costruttore locale Cesta Pula, che si è impegnato a terminare l’opera entro la fine di settembre. Per i residenti è un piccolo trionfo dal sapore dolce-amaro: finalmente, dopo tanti anni, si lasciano alle spalle lo sterrato che univa le abitazioni alla strada maestra.

Finalmente l’asfalto arriva anche a Bussoler

Un’altra serie di opere di bitumatura è stata ultimata invece in via Negri, nei pressi dell’entrata all’ex ospedale di Marina, e un’altra ancora nel rione di Monvidal, in prossimità dell’omonima fortezza austroungarica. In via Pisino, nel tratto stradale compreso tra le vie Buie e Stanković, l’assessorato all’Edilizia ha autorizzato la costruzione di un marciapiede della lunghezza complessiva di 35 metri. Similmente sono stati costruiti 170 metri di marciapiede in via Negri, poco lontano dall’entrata principale all’ex Ospedale della Marina. I marciapiedi della zona (via Punta Promontore) sono finalmente a prova di disabile perché sono stati dotati di cinque rampe e tre nuovi passaggi pedonali che favoriscono notevolmente la mobilità dei portatori di handicap e delle madri con bambino in carrozzella. Alcuni interventi minori allo strato di usura delle carreggiate sono stati conclusi di recente nelle vie Cankar e Krmpotić. Interventi occasionali di manutenzione alla rete stradale proseguiranno anche durante i mesi freddi secondo le possibilità dettate principalmente dalle condizioni atmosferiche.

I rioni suburbani lamentano sempre un “trattamento di seconda classe”

Facebook Commenti