Vicepresidente della Regione. Insediata Jessica Acquavita

Passaggio di consegne tra la neoeletta in quota CNI e Giuseppina Rajko titolare dell’incarico nei due mandati precedenti

Giuseppina Rajko e Jessica Acquavita

Primo giorno da vicepresidente della Regione istriana in quota CNI ieri per Jessica Acquavita. Negli ambienti dell’assessorato regionale per la Comunità Nazionale Italiana e altri gruppi etnici a Rovigno, ha avuto luogo il passaggio di consegne tra l’ex vicepresidente in quota CNI Giuseppina Rajko e appunto Jessica Acquavita. Presenti pure il capogabinetto del presidente della Regione, Ivan Glušac e l’f.f. di assessore alla Comunità Nazionale Italiana e altri gruppi etnici, Tea Batel.

 

”Con grande onore e con un profondo senso di responsabilità inizio il mandato di vicepresidente della Regione istriana eletto in quota Comunità Nazionale Italiana. Ringrazio Giuseppina Rajko che mi ha preceduta in due mandati e che ha contribuito alla realizzazione di numerosi progetti. L’Istria è una Regione specifica e particolare e parte del merito va pure alla nostra Comunità presente sul territorio. Fin dall’inizio la Regione istriana ha saputo apprezzare questa componente importante. Il mio compito sarà quello di continuare a lavorare intensamente per valorizzare ancora di più la nostra presenza e la nostra autoctonia”, ha dichiarato Jessica Acquavita.

Giuseppina Rajko ha ringraziato l’ex zupano Valter Flego e il facente funzione di presidente della Regione uscente Fabrizio Radin per l’ottima collaborazione e la sensibilità dimostrata verso la CNI.

”Ringrazio pure tutti i rappresentanti della CNI e tutte le persone con le quali ho avuto modo di lavorare, in primis i presidenti delle Comunità degli Italiani, per la collaborazione e l’amicizia. Rimango a disposizione dei connazionali. Colgo l’opportunità per augurare tutto il meglio a Jessica Acquavita”, ha dichiarato Giuseppina Rajko.

Il capogabinetto dello zupano ha ringraziato a nome di Fabrizio Radin e della Regione istriana Giuseppina Rajko per il supporto dato. A sua detta, insieme a Valter Flego e a Fabrizio Radin, Giuseppina Rajko e l’altra vicepresidente della Regione, Sandra Ćakić Kuhar, hanno creato una squadra molto buona.

”La Comunità Nazionale Italiana è parte imprescindibile della storia e dell’identità di questo territorio. Finora si è lavorato sul rafforzamento della sua cultura, della lingua e delle altre peculiarità che rendono ricca la nostra Regione, che da sempre è stata esempio di multiculturalità e di come coltivare le diversità”, ha detto Ivan Glušac.

Facebook Commenti