Tradizione orologiaia. In data-base 54 esemplari storici

Il progetto si concluderà con la pubblicazione degli atti del convegno

0
Tradizione orologiaia. In data-base 54 esemplari storici
L’orologio di Draguccio. Foto: GIANFRANCO ABRAMI

Proseguono con successo le attività nell’ambito del progetto “Il tempo della Serenissima – Valorizzazione storico-culturale e turistica della tradizione orologiaia nell’istro-veneto”, promosso dalla Comunità degli Italiani di Parenzo in collaborazione con la Città e la Scuola elementare “Bernardo Parentin” di Parenzo, la Comunità degli Italiani “Fulvio Tomizza” di Umago, i Comuni di Castelfranco Veneto e di Badia Calavena e la Città di Chioggia.
Il progetto è teso all’indagine e alla conservazione degli orologi da torre, incastonati sulle facciate dei campanili o degli edifici pubblici, dovuti alla maestria degli artigiani orologiai di Pesariis, in Carnia: i Cappellari, i Machin, ma soprattutto i Solari, frutto di un’operatività iniziata agli inizi del XVII secolo e diffusasi inizialmente nei territori della Serenissima, ma poi ampliatasi fino a raggiungere le Americhe.

Dai primi riscontri archivistici, ai Solari erano stati attribuiti gli orologi di almeno 20 città del Veneto e 240 località dell’Istria, della Dalmazia e del Montenegro.

Negli anni precedenti gli esperti coinvolti nel progetto avevano visitato gli archivi e percorso il territorio istriano. Ora è in corso l’elaborazione sistematica dei dati e delle foto, inedite, di questo patrimonio orologiaio, dal Veneto all’Istria. Sono emersi, in modo particolare, gli orologi da torre di Pisino e di Montona (sistemati rispettivamente sui campanili delle chiese parrocchiali di San Nicolò e della Visitazione di Maria), della Basilica Eufrasiana di Parenzo, della chiesa parrocchiale di Corridico e delle torri dell’orologio di Draguccio e di Gimino.

Quelli delle ultime tre località non erano stati evidenziati nella prima fase del progetto, complici tra l’altro le difficoltà causate dalla pandemia da Covid-19. Di conseguenza, il data-base annovera attualmente 54 orologi storici situati in 38 città diverse (2 a Buie, Parenzo e Rovigno, 3 a Sebenico e Zara, 4 a Spalato e uno in ciascuno degli altri 32 centri urbani evidenziati).

L’opera terminerà con la pubblicazione degli atti del convegno svoltosi a suo tempo nella Comunità degli italiani di Parenzo. Tutta l’attività progettuale è visibile sul sito web www.parenzo-porec.com.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display