«Galileo Galilei». Consegna delle pagelle: quasi una magia

Gli alunni dell’VIII classe del 2019/2020 con Sirotić e gli insegnanti

Finalmente è arrivata la consegna delle pagelle alla Scuola elementare italiana “Galileo Galilei” di Umago. Un momento quasi magico, importante e solenne, vissuto quest’anno in modo completamente diverso rispetto al passato, perché Covid-19 ha complicato le cose anche al mondo della scuola. L’epidemia ha colpito direttamente l’istruzione, che da un giorno all’altro ha dovuto interrompere qualsiasi rapporto sociale di vicinanza fisica tra alunni e insegnanti, svolta normalmente negli ambienti scolastici, in aula tra i banchi di scuola. È cambiato pure il modo di lavorare della scuola e doveva essere abbandonata l’attività didattica classica.
“Siamo stati catapultati in ambienti virtuali, con un nuovo modo di lavorare e un diverso approccio per mantenere il contatto con i ragazzi. Nonostante il cambiamento, siamo stati pronti a proseguire con il nostro lavoro applicando la didattica a distanza”, ci ha detto il preside della scuola elementare italiana di Umago Arden Sirotić.
Bene le iscrizioni per il 2020/2021
Per il nuovo anno scolastico si registra un aumento di alunni e la scuola in settembre dovrebbe essere frequentata da oltre 203 alunni. Per quanto riguarda il numero degli alunni dello scorso anno scolastico, la scuola ha avuto 192 iscritti e tra loro i 16 giovani che in giugno hanno concluso l’ottava classe. Si tratta di Leona Branković, Elian Conti, Ines Juričić Polunić, Francesco Lakošeljac, Miriam Mehičić, Anna Mesaroš, Novak Milošević, Nicola Paljuh, Patrik Petrović, Milena Savić, Rafael Sinožić, Gabriel Tolj, Thomas Vežnaver, Lara Villanovich, Erika Vižintin e Vanja Žudić. Tra loro ottimi tutti gli 8 anni della scuola elementare sono stati Anna Mesaroš, Rafael Sinožić, Elian Conti. Da rilevare che Anna e Rafael erano ottimi in tutte le materie. Dall’analisi del lavoro svolto, anche secondo quanto ci ha confermato il preside, si può concludere che la scuola è stata molto attiva non soltanto nell’attuazione di quanto previsto dal Piano e dal programma di ogni singola materia, ma anche, e soprattutto, prima dell’emergenza sanitaria ancora in corso, nell’avere saputo integrare l’attività regolare attraverso approcci didattici coinvolgenti (quali lezioni all’aperto, laboratori, progetti e altre iniziative) volti a far “toccare con mano“ i contenuti. A volte il modo migliore per andare avanti è quello di ritornare indietro, offrendo agli alunni l’esperienza diretta e concreta a fronte dell’esperienza virtuale, purtroppo sempre più presente. Proprio questa parte di lavoro è venuta a mancare dal mese di marzo in poi.
Un’estate di lavoro
”Nel corso delle vacanze estive proseguiremo con l’acquisto di attrezzature informatiche adeguate, lavagne interattive, proiettori, software, licenze necessarie al fine di poter svolgere un insegnamento moderno, con lo scopo di promuovere lo sviluppo tecnologico, il potenziamento degli strumenti didattici e di quelli di laboratorio per l’innovazione didattica e lo sviluppo della cultura digitale. L’uso dei mezzi didattici moderni è importante, sia per la formazione degli alunni che quella dei docenti, per dare a questi ultimi la possibilità di usare le attrezzature necessarie per poter svolgere un insegnamento adatto al XXI secolo, tramite processi d’istruzione innovativi. Verranno pure acquistati mezzi didattici per le varie materie d’insegnamento e completati i laboratori scolastici, ai quali saranno fornite attrezzature moderne”, ha detto Sirotić, il quale, con il Consiglio insegnanti, ha conferito un riconoscimento speciale a Elian Conti. Il giovane lo ha ricevuto per essere stato un modello di gentilezza e cordialità, di altruismo e versatilità e per la sua disponibilità nell’aiutare gli insegnanti a risolvere gli enigmi della tecnica e della scienza. “Alla fine rivolgo un invito a tutti a seguire puntualmente le disposizioni sanitarie per il contenimento del contagio di questo virus che ha cambiato le nostre vite e ci vediamo il 7 settembre a scuola… Grazie alle famiglie che hanno creduto in questa scuola e l’hanno sostenuta. Un ringraziamento speciale a tutto lo staff della “Galileo Galilei” per l’eccezionale impegno profuso che ha consentito a tutta l’organizzazione didattica di funzionare in maniera veramente impeccabile. Auguro a tutti gli alunni un periodo di vacanza sereno, ricco di emozioni e di belle esperienze, e di proseguire felicemente e serenamente il cammino di crescita culturale e professionale, raggiungendo tutti gli obiettivi a cui aspirano”, ha concluso il preside Arden Sirotić, il quale ha consegnato le pagelle agli alunni con l’insegnante Marianna Jelicich Buić.

Facebook Commenti