Festival della pasta a Gimino:
piatto ricco mi ci ficco

La sesta edizione è in programma il 6 e il 7 luglio

Alcuni tipi di pasta alla scorsa edizione del Festival della pasta. Foto Dusko Marusic/PIXSELL

Sarà all’insegna delle novità il Festival della pasta a Gimino del 6 e 7 luglio prossimi. Unica e idilliaca la zona dietro il castello ospiterà la sesta edizione della rassegna della pasta istriana: fusi, makaruni, ravioli, rafioli ecc.
Anche quest’anno ampio spazio sarà riservato alle ricette della tradizione e alle dimostrazioni pratiche dell’arte pastaria di nonne e bisnonne. Il menù si annuncia ricco, abbondante e gustoso. I visitatori avranno modo di gustare pasta e fagioli, fusi e cavolo cappuccio nell’insolito mix di pasta e verdura. Al prezzo di un menù si avrà modo di gustare tre piatti a base di pasta uno dei quali può essere anche dolce, informano gli organizzatori.
Così la prima giornata mette nel piatto guazzetto di “boscarin”, cavolo cappuccio lessato e carne di “boscarin” e ravioli col formaggio (esiste anche la variante dolce). La seconda giornata del Festival proporrà salsa con carne essiccata, fusi e tartufi (classico dei classici) e ancora ravioli col formaggio.E poi a scelta makaruni con panna, rucola selvatica e prosciutto oppure makaruni al burro, salvia e prosciutto, più la già menzionata pasta e fagioli. Ce n’è davvero per tutti e una volta soddisfatta la fame in più “coraggiosi” avranno modo di cimentarsi nella realizzazione della varie tipologie di pasta istriana nei vari cooking show che nelle edizioni passate hanno coinvolto soprattutto i bambini, e la pasta non era quella di nonna Pina…

Facebook Commenti