Nuovi investimenti sul Platak

Prosegue anche il progetto di ammodernamento degli impianti. Foto Željko Jerneić

ontinuano gli investimenti sul Platak, e più precisamente nel Centro sportivo ricreativo. Come detto dal capodipartimento per lo sviluppo regionale, le infrastrutture e la gestione dei progetti, Ljudevit Krpan, il Platak ha accolto tantissime persone anche nel periodo del lockdown. Persone che hanno voluto trascorrere un po’ di tempo all’aria aperta evitando assembramenti e contatti diretti con altra gente. “Grazie ai fondi europei continueremo a investire per realizzare nuovi contenuti ma anche per ampliare o terminare i progetti in corso. Continueremo con gli impianti di innevamento e dopo la zona Radeševo si procederà con il baby-lift e la zona Pribeniš. È già stata stata scelta la ditta che dovrebbe realizzare la seggiovia a quattro entro il 2021 se otterremo i fondi europei. Per quanto riguarda gli altri contenuti, la zona picnic è stata ampliata con ulteriori 5 barbecue, per un totale di 15. Stiamo pensando di creare un belvedere nonché investire nell’alpine coaster (ovvero l’ottovolante alpino, o fun bob, a volte chiamata anche slittovia estiva). Nel corso di quest’anno la Regione investirà in totale 12 milioni di kune in questa zona che ogni anno attira sempre più gitanti sia di Fiume che delle Regioni circostanti. Da non dimenticare il lago artificiale attorno al quale è stato realizzato il sentiero e messe alcune panchine”, ha detto Ljudevit Krpan.
Sussidi per gli imprenditori rurali
Melita Raukar, capodipartimento per il turismo, l’imprenditoria e lo sviluppo rurale, ha dichiarato che per aiutare gli imprenditori rurali durante il periodo del coronavirus, sono stati assicurati in totale 6,4 milioni di kune. Sono trecento le richieste giunte in Regione per ottenere il sussidio, delle quali 209 hanno avuto le condizioni per ottenere i fondi. “Sono rimaste in sospeso ancora una trentina di richieste per le quali al momento non abbiamo più mezzi, ma cercheremo di assicurare ulteriori 800mila kune dal bilancio regionale”, ha detto Melita Raukar.

Il lago artificiale

Coronavirus sotto controllo
Nel corso dell’ultima conferenza stampa prima della pausa estiva, che si è svolta per l’occasione ai piedi del monte Radeševo, il presidente della Regione litoraneo-montana, Zlatko Komadina, ha voluto sottolineare che il progetto legato al Platak è stato accolto a braccia aperte da tutti gli abitanti, visto che ora offre contenuti e divertimento nel corso di tutto l’anno, permettendo alle famiglie di staccare dalla vita di ogni giorno e di rilassarsi in contatto con la natura. Nel prosieguo Komadina ha informato i presenti sull’attuale situazione epidemiologica. “Il problema del coronavirus è sotto controllo. Dall’inizio dell’epidemia abbiamo effettuato circa 10mila test, dei quali 6mila presso l’Istituto regionale di salute pubblica. Oggi (ieri per chi legge, ndr) abbiamo un nuovo caso di contagio e 4 persone guarite”, ha concluso Komadina.

Facebook Commenti