Zagabria stanzia i fondi per la SMSI di Buie

Va avanti il progetto di ricostruzione della «Leonardo da Vinci». Assenso al Ministero della Scienza e dell’Istruzione per assumere gli obblighi necessari

La SMSI “Leonardo da Vinci” di Buie sarà sottoposta a importanti lavori di ristrutturazione

Va avanti uno dei progetti più importanti della Comunità Nazionale Italiana, ovvero la ricostruzione della Scuola media superiore italiana “Leonardo da Vinci” di Buie. Il governo presieduto da Andrej Plenković, nel corso della sua sessione di ieri, è stato chiamato a dare l’assenso al Ministero della Scienza e dell’Istruzione per l’assunzione degli obblighi finanziari a carico del Bilancio 2022 per la ricostruzione dell’edificio che ospita l’istituzione scolastica buiese e per il controllo tecnico dell’esecuzione dei lavori per un importo di 1.642.327,33 kune, PDV (imposta sul valore aggiunto) compreso. Di questa cifra 1.618.327,33 kune, PDV compreso, saranno stanziate per la ricostruzione della sede della Scuola media superiore italiana “Leonardo da Vinci”, mentre 24mila kune serviranno per la stipulazione del contratto sulla supervisione dei lavori edili.

Il governo è stato chiamato a dare l’assenso al Ministero della Scienza e dell’Istruzione per la stipulazione dell’accordo con la Regione istriana e con l’Unione Italiana per il finanziamento della ricostruzione. In base a quest’intesa nel 2022 una parte degli obblighi complessivi del Ministero della Scienza e dell’Istruzione, quale appaltatore dei lavori, per un importo di 902,400 kune, sarà coperta dalla Regione istriana e dall’Unione Italiana, mentre 739.927,33 kune saranno a carico del dicastero. Alla luce di questa delibera governativa non dovrebbero più esserci intoppi di sorta e i lavori di ricostruzione dell’edificio che ospita una SMSI che riveste grande importanza in particolare per la Comunità Nazionale Italiana del Buiese dovrebbero avere finalmente inizio. L’inserimento nel Bilancio, nell’ambito della Legge finanziaria, dei fondi per il rifacimento della sede “Leonardo da Vinci” rappresenta sicuramente un grande successo per la CNI.

Facebook Commenti