UI. Approvato il Piano finanziario

Conclusa la riunione via posta elettronica dell’Assemblea dell’Unione Italiana

Palazzo Modello a Fiume, sede dell'Unione Italiana. Foto: Željko Jerneić

Si è conclusa ieri sera alle ore 20 la sessione dell’Assemblea dell’Unione Italiana via posta elettronica, che aveva avuto inizio alle ore 13 di martedì, 22 dicembre. I consiglieri hanno potuto inviare eventuali emendamenti ai punti dell’ordine del giorno entro le ore 13 del 21 dicembre 2020; inoltre sempre entro la stessa scadenza hanno avuto la facoltà di porre domande inerenti agli argomenti in agenda direttamente al proponente, ossia alla Giunta esecutiva esclusivamente per iscritto, per il tramite della posta elettronica.

 

Le operazioni di voto si sono concluse, invece, alle ore 20 di ieri, quando ha avuto fine anche la seduta via posta elettronica.

All’ordine del giorno della sessione figuravano due punti, ovvero la discussione e approvazione della proposta di delibera sul III assestamento del Programma di lavoro e Piano finanziario dell’Unione Italiana per il 2020, nonché la discussione e approvazione della proposta di delibera attinente al “Programma di lavoro e Piano finanziario dell’Unione Italiana per il 2021 – Programmazione delle attività, delle iniziative e degli interventi da finanziarsi con i mezzi della Legge 73/01, con i mezzi della Regione FVG, con i mezzi del Piano permanente, con i mezzi del Consiglio delle Minoranze Nazionali della Repubblica di Croazia, con i mezzi dell’Ufficio per i diritti dell’uomo e delle minoranze nazionali, con i mezzi dell’Ufficio per le minoranze della Repubblica di Slovenia e con i mezzi della Regione Veneto, a favore della Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia per il 2021”.

Alla votazione su questi due punti previsti inizialmente si è aggiunta di fatto una terza, ossia quella relativa a un emendamento al Programma di lavoro e Piano finanziario dell’Unione Italiana per il 2021 presentato dal consigliere fiumano Moreno Vrancich, con cui è stato proposto di azzerare i fondi per la Comunità degli Italiani del Montenegro e di ridestinarli al Fondo di promozione delle CI (27.500 euro) e al Fondo di valorizzazione (109mila euro), nonché di mettere i restanti 57.500 euro sul bando FVG per attività straordinarie del Fondo di valorizzazione, con una serie di altre modifiche.

I risultati ufficiosi
Stando ai primi risultati ufficiosi e provvisori, diffusi dal presidente dell’Assemblea dell’Unione Italiana, Paolo Demarin, l’assestamento del Programma di lavoro per il 2020 è stato approvato praticamente all’unanimità, con 64 voti a favore, dai consiglieri che hanno partecipato al voto elettronico. L’emendamento di Moreno Vrancich è stato accolto con 31 voti a favore, 23 contrari e sette astenuti.
Infine la delibera attinente al Piano finanziario dell’UI per il 2021, integrata con l’emendamento di Moreno Vrancich, è stata approvata con 42 voti a favore, uno contrario e sei astenuti.

Facebook Commenti